Cuore, nuova tecnica chirurgica: contro l'aritmia si agisce sul sistema nervoso

Video

Un passo in avanti per la chirurgia: è stata messa a punto una nuova ed efficace tecnica per il trattamento delle aritmie ventricolari. Grazie a questo trattamento, portato avanti dal Servizio di aritmologia del Fatebenefratelli con l'Umberto I, è possibile agire per via chirurgica sul problema cardiaco solo con una piccola incisione ed una esecuzione rapida.

Morte Astori, la richiesta del pm: «Un anno e mezzo al medico Galanti»

Stefano Bianchi, direttore UOC di Cardiologia dell'ospedale romano, ha dichiarato: «Da tempo eseguiamo trattamenti di ablazione in pazienti con aritmia ventricolare. La tecnica fin qui in uso non sempre permette di risolvere la complessa problematica aritmica. La nuova tecnica allo studio è attualmente destinata ai pazienti
affetti da tachicardia ventricolare non responsivi ad un primo
approccio ablativo».

Calcetto, prima della partita: «Preparare cuore e muscoli al salto dal divano al campo». Ecco le regole anche per chi ha avuto il Covid

I dati hanno mostrato una drastica riduzione delle aritmie in un anno e i risultati dello studio pilota sono stati pubblicati sulla rivista Journals of the American College of Cardiology. «Si tratta di un intervento di denervazione cardiaca: l'approccio mini-invasivo non va a toccare direttamente il cuore attraverso una piccola incisione sotto l'ascella, tramite una telecamera ed un piccolo strumento chirurgico agisce sul sistema nervoso simpatico denervando e quindi silenziando le afferenze nervose responsabili dell'innesco delle aritmie cardiache» ha spiegato Filippo Maria Cauti, aritmologo al Fatebenefratelli.

Torino, rischia morte: denervazione cuore salva bambino di quattro anni

 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 26 Aprile 2021, 15:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA