«Covid, il caffè sa di benzina, la carne sembra putrefatta». Così ad alcuni guariti dal virus è cambiato il gusto

Video
di Michele Galvani

Caffè che sa di benzina o la carne fresca che sembra essere andata a male. Una percentuale di chi guarisce dal Covid perde una parte dell'olfatto. O è vittima di un peggioramento del gusto. Lo dicono gli studi scientifici, lo spiegano i diretti interessati raccontando le loro storie. Jennifer Spicer, ad esempio, pensava che i suoi giorni in cui sentiva gli effetti del Covid-19 fossero finiti. La febbre, i brividi e la grave stanchezza che le avevano tormentato il corpo a luglio erano scomparsi da tempo. E con grande entusiasmo i suoi sensi dell'olfatto e del gusto stavano lentamente tornando. Invece, la triste scoperta. 

Covid, studio italiano rivela: rischio malnutrizione per il 55% dei pazienti

Covid, la doppia ricerca italiana e inglese: «Così le cellule anomale danneggiano i polmoni»

 

Le storie

«Pensavo di essere guarito», ha detto Spicer, 35 anni, un medico di malattie infettive presso la Emory University School of Medicine di Atlanta, che è stato esposto al coronavirus attraverso un paziente. Sebbene i suoi sensi non fossero completamente tornati, stava mangiando e bevendo «di nuovo normalmente. Ho sentito molto sollievo», ha detto. Ma quel sollievo durò solo fino a un venerdì sera di fine ottobre, quando prese un sorso da un bicchiere di vino rosso appena versato. «Aveva il sapore di benzina», ha detto Spicer. Controllò la bottiglia, non trovò niente che non andasse, poi assaggiò di nuovo il vino.

«Ho dovuto gettare l'intero bicchiere di vino nel lavandino. È stato così brutto». Il vino, però, probabilmente non era il problema. La sua esperienza è molto simile a quella di altri sopravvissuti al virus che stanno recuperando l'olfatto. Conosciuta come parosmia, la distorsione dell'odore spesso temporanea rende le cose diverse e solitamente sgradevoli, ha affermato Richard Doty, direttore del Smell and Taste Center dell'Università della Pennsylvania. «In un certo senso è più debilitante della perdita dell'olfatto», ha detto Doty. Ha notato che alcune distorsioni, possono rendere il cibo e le bevande comuni rivoltanti perché il sapore è legato all'olfatto. «Anche l'acqua può diventare sgradevole», ha detto. Insomma, tutto è cambiato. In peggio.

Vaccino Covid, i medici di Washington: «Trovato uno 10 volte più forte degli attuali, non ha bisogno di essere congelato»

Per Spicer, i profumi precedentemente appetitosi di aglio e cipolla cotti sono ora insopportabili. La carne odora di putrefazione e il dentifricio alla menta è così scoraggiante che ha dovuto passare a uno al gusto di gomma da masticare. E forse la cosa peggiore è che il ricco aroma del caffè è stato sostituito dall'odore pungente della benzina. «Il caffè è davvero la cosa più triste per me perché mi piace solo prendere una tazza di caffè al mattino», ha detto Spicer. Racconti simili di parosmia e di una distorsione dell'odore correlata chiamata fantasmia, che fa sì che le persone odorino profumi che non ci sono, hanno inondato le piattaforme dei social media negli ultimi mesi. I gruppi di Facebook per quelli con perdita di odore e distorsioni legate a Covid ora hanno migliaia di membri. Alcuni dicono di sentire odori di fumo di sigaretta ovunque vadano. Altri non riescono a identificare l'odore fetido che assale costantemente i loro sensi. Yanna Casey, 25 di Atlanta, ha detto che il fetore è particolarmente intenso quando è in giro per le pulizie.

 

«È strano perché il mio cervello sta cercando di stabilire una connessione tra Dovrebbe odorare di candeggina, ma non ha l'odore di candeggina, ha detto Casey, che deve ancora riguadagnare gran parte del suo senso dell'olfatto da quando ha si è ammalato all'inizio di luglio. I risultati iniziali di un questionario internazionale pubblicato a giugno su Chemical Senses hanno rilevato che circa il 7% dei circa 4.000 intervistati con diagnosi di Covid ha riferito di aver subito una distorsione dell'olfatto. Sebbene gli esperti non sappiano quale proporzione complessiva di pazienti sarà affetta dalla parosmia, è «probabilmente un numero significativo», ha affermato Justin Turner, direttore medico del Smell and Taste Center del Vanderbilt University Medical Center.

 

Le distorsioni sono spesso osservate nelle persone che si stanno riprendendo dal Covid-19 e iniziano a riacquistare il senso dell'olfatto, ha detto Turner. «In molti modi, avere una parosmia è in realtà una buona cosa perché suggerisce che stai stabilendo nuove connessioni e che tu stai ottenendo una rigenerazione di quel tessuto olfattivo e tornando alla normalità», ha detto. 

«Il Covid uccide l'1,15% di tutti i pazienti positivi». La ricerca che sconfessa l'Oms

Alcuni esperti hanno una teoria su come la perdita dell'olfatto legata a determinati virus, come il nuovo coronavirus, possa portare alla parosmia.Danielle Reed, direttrice associata del Monell Chemical Senses Center, ha spiegato: «Una ipotesi sarebbe che, mentre i neuroni del recettore olfattivo si riprendono, ricrescono e ricollegano nel cervello, non lo fanno perfettamente», ha detto Reed. Invece di essere cablato in modo che un limone profuma di limone, i neuroni vagano un po' e non si connettono correttamente. E così il cervello è confuso su come interpretare queste informazioni».

Covid, gli scienziati Usa: «La casa è il luogo dove il virus corre più velocemente, così bisogna proteggersi»

Covid, un ceppo mutato in estate starebbe causando la seconda, disastrosa, ondata

Donald Leopold, professore di otorinolaringoiatria presso l'Università del Vermont Larner College of Medicine, ha paragonato la parosmia a suonare un pianoforte senza tasti. «Se hai un raffreddore causato da un virus o se prendi il coronavirus e questo uccide alcuni di quei neuroni, diciamo che ti sono rimasti solo tre di quei neuroni, che non ti permettono più di annusare correttamente una rosa. Proprio come se premessi quei tre tasti, non suonerebbe come lo stesso bellissimo accordo che hai suonato al piano».

Vaccino Covid, Abhinav (12 anni) è il volontario più piccolo al mondo a sottoporsi al test: «Così aiuto la ricerca»

Linsenmeyer, assistente professore di nutrizione presso la Saint Louis University, ha anche incoraggiato le persone a ricercare cibi alternativi che potrebbero essere più appetibili. Per le persone che non sono più in grado di mangiare carne, ha suggerito di rivolgersi a latticini e uova o altri alimenti ricchi di proteine ​​come fagioli, lenticchie, noci, semi, cereali integrali e tofu. Non certo alimenti succulenti. Ma se servono a recuperare l'olfatto e un gusto dignitoso, ben vengano.

Video

 

 


Ultimo aggiornamento: Venerdì 6 Novembre 2020, 18:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA