Possibile correlazioni tra tumore al colon e metastasi al fegato, lo rivela uno studio

Cancro, possibile correlazioni tra tumore al colon e metastasi al fegato: lo rivela uno studio

Uno studio cerca di dimostrare la correlazione tra tumore al colon e metastasi al fegato. La ricerca rientra nel programma “Immunity in Cancer Spreading and Metastasis” coordinato da Alberto Mantovani e sostenuto da Airc tramite i contributi del 5x1000. Gli studi hanno identificato il batterio responsabile della migrazione dal colon al fegato. Secondo gli scienziati questo consentirà di dire in anticipo se una persona potrà sviluppare metastasi al fegato, e decidere come agire.

Tumori, una ricerca dell'ospedale Bambino Gesù di Roma e dell'Università di Tor Vergata individua cause e terapie

Maria Rescigno, ricercatrice dell'Istituto clinico Humanitas di Rozzano e coordinatrice del lavoro condotto con l'Unità operativa di Chirurgia del colon-retto di Humanitas e con l'Istituto europeo di oncologia di Milano, ha spiegato: «La ricerca dimostra che la proliferazione di metastasi dal tumore primario al fegato dipende da quattro eventi: la modifica della barriera vascolare intestinale; la migrazione di batteri del microbiota dal tumore primario al fegato; la formazione nel fegato di una nicchia pre-metastatica, e infine il richiamo delle cellule tumorali nel fegato e l'inizio del processo di metastasi».

Tumori, quanto conta l'alimentazione? Ecco lo studio sul legame tra sarcomi ossei e dieta

Ci si deve quindi chiedere se l'aumento dei batteri nel sito tumorale del colon può favorire le metastasi. Ad aiutare su questo ambito ci sono le conoscenze pregresse sui batteri e sulla loro azione sulla permeabilità intestinale.
La metastatizzazione di un tumore del colon avviene tramite i linfonodi nel fegato o nei polmoni. Dopo l'operazione per rimuovere il tumore, i medici controllano se i linfonodi drenanti sono interessati dalla malattia. Se lo sono, si considera il paziente metastatico e si avvia una terapia più aggressiva. Il problema si pone quando il paziente si sviluppa metastasi al fegato. L'ipotesi di partenza dello studio è che le cellule non arrivino nel fegato attraverso i vasi linfatici, ma tramite i vasi sanguigni.

Vaccino, ecco le linee guida dell'Inail per la somministrazione in azienda

«Abbiamo così verificato che i batteri sono in grado di 'entrarè nel tumore, modificare la barriera del colon, migrare nel fegato e creare una nicchia pre-metastatica che fa da 'richiamò per le cellule tumorali. Si tratta di una scoperta molto importante, che ha permesso di identificare il batterio in grado di
innescare questo processo» conclude Maria Rescigno.

 


Ultimo aggiornamento: Venerdì 16 Aprile 2021, 13:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA