Coronavirus, Pregliasco: «Avigan per ora una seconda scelta. Vaccino? Servono 6-12 mesi»

Coronavirus. Farmaci sperimentali, medicine che arrivano dall'estero e nuove sperimentazioni: per capirne i veri effetti occorre saper aspettare. La medicina non può gettarsi a capofitto su un farmaco se prima non è stato appositamente certificato. A spiegarlo è il virologo Fabrizio Pregliasco, direttore sanitario dell'Irccs Galeazzi di Milano, reduce da un acceso scontro in tv con Vittorio Sgarbi sulla possibilità di utilizzare l'Avigan, un farmaco che arriva dal Giappone.

Coronavirus, da Bergamo a Rieti il messaggio per battere il Covid 19 «Dipende tutto solo da noi»

Che strategie si stanno seguendo contro il Covid-19?
«In questo momento ci sono diversi farmaci sotto osservazione: alcuni sono già registrati per altre patologie e altri, invece, sono in via di sviluppo».
A che punto è la medicina italiana?
«Ognuno di questi farmaci, prima di essere considerato valido a tutti gli effetti contro il Covid-19, deve valutato per la sua efficacia e per la sicurezza. La medicina deve muoversi in questo modo, sempre, visto che ci sono diverse possibilità».

Coronavirus Roma, supermercati aperti nei festivi: minacce di sciopero bianco
In che senso?
«Si possono usare farmaci fuori etichetta, farmaci conosciuti per altri usi come quelli contro Hiv o contro l'artrite reumatoide e farmaci cosiddetti “per uso compassionevole”: vale a dire quelli che non sono registrati da nessuna parte».
Prima di validare un farmaco, cosa occorre fare?
«Semplicemente bisogna capire se si tratta di un elemento da standardizzare, se funziona o se è invece legato a una piccola casistica».
Una volta certi del risultato?
«A quel punto ci saranno tempi veloci per gli aspetti burocratici: voglio sottolineare che l'attesa non è dovuta alla burocrazia, quella verrà accelerata, sono dovuti alla sicurezza e alla verifica della reale utilità del farmaco».

Da fabbriche a banche, sicurezza al centro: sindacati pronti allo sciopero
Quanto ci vorrà?
«Credo alcuni mesi».
L'Avigan di cui tanto si parla?
«L'Avigan è un farmaco registrato solo in Giappone contro le forme influenzali: potrebbe funzionare contro il Covid-19 e per questo, in Italia, si sta cominciando a valutarlo. È una seconda scelta rispetto ai farmaci anti-influenzali specifici».
Per il vaccino, invece?
«La medicina, per mettere a punto un vaccino sicuro, ha bisogno di sei mesi o anche un anno. Per gli stessi motivi del farmaco. Posso dire che oggi, dalla nostra parte, abbiamo nuove metodiche di biologia molecolare e ci aiutano a velocizzare tutto».

Coronavirus, Conte prepara nuova stretta per scongiurare le proteste. Vertice alle 11 con i sindacati
Ultimo aggiornamento: Martedì 24 Marzo 2020, 12:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA