Alzheimer e demenza, vaccino vicinissimo. «Il 2020 anno della svolta, test sui topi ok»

Alzheimer e demenza, vaccino vicinissimo. «Il 2020 anno della svolta, test sui topi ok»

Alzheimer e demenza, il vaccino sarò la sfida dei prossimi anni come spiega un articolo pubblicato su "Alzheimer's Research & Therapy" che ricostruisce quanto fatto fino ad oggi. Al lavoro gli scienziati dell'Institute for Molecular Medicine e dell'Università della California (Uci) che lavorano sul vaccino anti-demenza sviluppato dall'adiuvante creato Nikolai Petrovsky della Flinders University (Australia). Addirittura già il 2020 potrebbe essere l'anno della svolta per arrivare ad un trattamento preventivo contro la demenza e l'Alzheimer. Questo dopo i successi sui test sui topi e il possibile via libera alle sperimentazioni cliniche sull'uomo negli anni a venire.

Alzheimer, scoperta molecola che ringiovanisce il cervello: contrasta i primi sintomi

 

Alzheimer, la perdita di memoria viene prevenuta nei topi

«Siamo stati in grado di prevenire la perdita di memoria nei topi e ovviamente il prossimo passo è portarlo negli studi clinici sull'uomo», ha spiegato Petrovsky, augurandosi che i test sull'uomo possano cominciare nei prossimi 18-24 mesi. Lo studio punta a trovare una nuova strada per rimuovere le placche della proteina beta-amiloide, il cui eccessivo accumularsi nel cervello è associato alla neurodegenerazione e al declino cognitivo collegati a demenza e Alzheimer. Oggi la sfida della medicina in questo campo è trovare trattamenti efficaci, biomarcatori affidabili o, appunto, strategie preventive come può essere un vaccino.
 
Sanità italiana nella top ten mondiale: nono posto per le sue «elevate performance»

«Nel loro insieme i risultati ottenuti fino ad oggi dal nostro studio giustificano il lavoro per lo sviluppo di questa strategia di immunizzazione basata sulla tecnologia MultiTep e per l'avvio dei test su pazienti colpiti dall'Alzheimer», spiegano gli autori principali Anahit Ghochikyan dell'Institute for Molecular Medicine e Mathew Blurton-Jones dell'Uci. Finora molte molecole che sembravano promettenti hanno fallito il passaggio agli studi clinici. Petrovsky, che lavorerà negli Stati Uniti per i prossimi tre mesi, ha fondato la società Vaxine Pty, insieme all'Us National Institutes of Health, nata per sviluppare le tecnologie che permetteranno di arrivare ad un vaccino.

Alzheimer, farmaco estratto da un'alga autorizzato in Cina: riduce i sintomi nei casi non gravi

Ultimo aggiornamento: Tuesday 31 December 2019, 17:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA