Staminali iniettate nel fegato dei neonati con successo: nuova terapia rinvia il trapianto

Cellule staminali iniettate nel fegato dei neonati con successo: la nuova terapia rinvia il trapianto. Il nuovo approccio terapeutico è stato sperimentato per la prima volta con successo alla Città della Salute di Torino su tre neonati affetti da patologie genetiche che necessitano di trapianto di fegato nei primi mesi di vita.

Schumacher, la moglie rompe il silenzio: «Ha fatto una cura con le staminali, ora speriamo»

Bimbo di due anni affetto da malattia rarissima: dimesso un mese dopo il trapianto



La procedura, iniettare cellule staminali epatiche sane nel fegato dopo la nascita, ha ritardato il trapianto, ponendo le basi per correggere diverse malattie genetico-metaboliche con procedura mini-invasiva. Lo studio è pubblicato sulla rivista Stem Cell Reviews and Reports.

 
 
 

 
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 22 Gennaio 2020, 12:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA