La variante Delta «buca i vaccini esistenti», allarme negli Usa
di Michele Galvani

La variante Delta «buca i vaccini esistenti», è allarme negli Usa: sta diventando il ceppo dominante

«La variante Delta muta troppo e in questo modo elude i vaccini esistenti». Il CDC, ossia il Centers for Disease Control and Prevention (il Centro americano per il controllo e la prevenzione delle malattie) è preoccupato al punto tale che la variante Delta «potrebbe presto diventare il ceppo dominante negli Stati Uniti». Nonostante il ritmo delle vaccinazioni negli Usa sia ormai altissimo, i responsabili sanitari lanciano nuovi allarmi per evitare che il virus prenda di nuovo l'America in contropiede. 

Variante Delta in 80 Paesi

La dottoressa Rochelle Walensky, direttrice dei Centers for Disease Control and Prevention, ha detto che si tratta di una variante «altamente contagiosa»: lo ha spiegato alla ABC News in un'intervista a "Good Morning America". Dopo essere stata identificata in India a ottobre, la cosiddetta variante Delta è stata poi segnalata da in più di 80 paesi in tutto il mondo, stando ai dati dell'Organizzazione mondiale della sanità. Nel frattempo, il ceppo è già stato «rilevato in almeno 41 Stati Usa», sostiene sempre il CDC negli ultimi report sull'andamento dell'epidemia.


L'Oms ha dichiarato il Delta una «variante di interesse» il mese scorso e il CDC ha aggiornato la sua classificazione del ceppo questa settimana da «variante di interesse» a «variante di preoccupazione». Funzionari dell'Oms hanno affermato che le varianti di preoccupazione hanno dimostrato di sapersi diffondere più facilmente di altre. «Quando questi virus mutano, lo fanno con qualche vantaggio per il virus. In questo caso, è più trasmissibile», ha detto Walensky. «È più trasmissibile della variante alfa, o della variante britannica, che abbiamo qui. Abbiamo visto che è diventata rapidamente la varietà dominante in un periodo di uno o due mesi, e prevedo che sarà ciò che accadrà con la varietà delta».

Variante Lambda, cos'è? Sintomi, efficacia dei vaccini e perché l'Oms l'ha definita «di interesse»

Il CDC è preoccupato per la variante Delta che muta al punto da bucare i vaccini Covid già esistenti, secondo Walensky. «Questo è davvero ciò che stiamo attivamente cercando di prevenire, motivo per cui stiamo incoraggiando le persone a vaccinarsi: per quanto questo ceppo Delta sia preoccupante e per quanto la sua iper-trasmissibilità sia alta, i nostri vaccini per ora funzionano. In questo momento richiedono effettivamente due dosi o essere completamente vaccinati per funzionare. Con due dosi sarai protetto contro questa variante Delta». Con una invece sembra proprio di «no».

Vaccini, il piano anti-varianti: medici di base a caccia di over 50 da immunizzare

Il dottor Ashish Jha, preside della Brown University School of Public Health di Providence, ha affermato che la variante Delta «è molto più contagiosa di qualsiasi variante che abbiamo visto durante l'intera pandemia. Sembra anche essere un po' più letale per le persone che vengono infettate», ha detto Jha sempre alla ABC News in un'intervista. «E quello che stiamo vedendo è che, mentre i nostri vaccini sembrano generalmente reggere, stiamo assistendo a qualche altra infezione rivoluzionaria».

Dall'inizio della pandemia, gli Stati Uniti hanno segnalato più di 33,5 milioni di casi confermati di Covid-19 e oltre 600.000 decessi per la malattia, secondo i dati raccolti dalla Johns Hopkins University. Sebbene il numero giornaliero di nuove infezioni confermate continui a diminuire a livello nazionale, ci sono alcune zone del paese che continuano a lottare con sacche di focolai, in particolare aree con bassi tassi di vaccinazione. Dati Covid-19 dal CDC e dal Dipartimento della salute e dei servizi umani, mostrano che cinque stati - Alabama, Arkansas, Missouri, Oklahoma e Utah - hanno visto aumenti notevoli del 37% o più nella media dei casi di sette giorni nelle ultime due settimane. I tassi di residenti completamente vaccinati in tutti e cinque questi stati sono inferiori alla media nazionale.

I giovani e i vaccini - Nel frattempo, ci sono segnalazioni di infiammazione cardiaca nei giovani che sono stati vaccinati. Negli Stati Uniti sono stati segnalati più di 300 casi confermati di miocardite, un'infiammazione del muscolo cardiaco o pericardite, un'infiammazione della struttura simile a una sacca che circonda il cuore: è successo nelle persone under 30 che hanno ricevuto i vaccini Pfizer o Moderna, sempre secondo il dossier del CDC. 

 

Il CDC afferma che la maggior parte dei pazienti che hanno ricevuto cure hanno risposto bene alle medicine e si sono rapidamente sentiti meglio. I funzionari sanitari stanno ancora indagando se esiste un collegamento alla vaccinazione Covid. Un comitato consultivo del CDC si riunirà questa settimana entrante per discutere la questione. «Stiamo sicuramente guardando tutto con attenzione», ha detto Walensky. «E saremo ansiosi di analizzare i dati durante il vertice». Il CDC raccomanda ancora a tutti i giovani conb più di 12 anni di essere immunizzati, ma consiglia vivamente che chiunque soffra di «dolore al petto, mancanza di respiro o battito cardiaco accelerato entro una settimana dall'iniezione», di consultare un medico.

Tra l'altro, gli esperti hanno avvertito che le differenze geografiche nei tassi di vaccinazione potrebbero dividere il paese in «due Americhe» se la variante Delta prendesse piede - come sempre altamente probabile - in aree con bassa copertura vaccinale.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 21 Giugno 2021, 14:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA