Vaccini, «sei hai avuto il Covid basta una dose: risposta migliore di chi farà due richiami perché non è mai stato contagiato»

Vaccini, «sei hai avuto il Covid basta una dose: risposta migliore di chi farà due richiami perché non è mai stato contagiato»

I vaccini contro il Covid erano appena usciti, era dicembre 2020: allora più di 1.000 membri dello staff del Cedars-Sinai Medical Center di Los Angeles si sono offerti volontari per uno studio approfondito. L'obiettivo: individuare come potrebbero variare le reazioni immunitarie al vaccino. Il mese scorso, un modello chiaro nei dati «ci è venuto in mente», ha detto il leader della ricerca Susan Cheng. Coloro che si erano ripresi dal Covid-19 hanno risposto alla loro prima dose in modo così forte che i risultati hanno "battutto" con colleghi mai infetti che avevano ricevuto entrambe le dosi. L'implicazione era chiara. «Se hai avuto il Covid, potresti aver bisogno solo di una delle due dosi» consigliate da Pfizer e Moderna. La ricerca è riportata da Bloomberg.

«Non ci aspettavamo che sarebbe saltato fuori questo risultato», ha detto Cheng, coautore dell'articolo di Nature Medicine. In effetti, se hai già avuto il virus, la tua risposta immunitaria dopo un vaccino «è probabilmente anche migliore di quella di una persona mai infettata dopo due», secondo uno studio appena pubblicato sul New England Journal of Medicine. La questione di somministrare una sola dose alle persone che hanno avuto il Covid è diventata ancora più urgente da quando sono state sollevate preoccupazioni sulla sicurezza dei vaccini di Johnson & Johnson e AstraZeneca. Le implicazioni in un momento di fornitura globale sono sorprendenti: somministrare a persone precedentemente infette solo un vaccino con mRNA potrebbe liberare più di 110 milioni di dosi in tutto il mondo, secondo un calcolo dell'immunologo Mohammad Sajadi e dei colleghi della scuola di Medicina dell'Università del Maryland.

Vaccini, Moderna: i due richiami contro le varianti del Covid potrebbero funzionare

Sajadi è coautore di uno dei recenti studi che rientrano in una recente raffica di scoperte che puntano tutte nella stessa direzione: il sistema immunitario nelle persone che hanno avuto Covid «ricorda il virus», quindi un primo vaccino agisce come un potente richiamo per difese esistenti. «I dati sono molto chiari - ha detto Sajadi -. Ogni studio ha dimostrato che si ottiene una risposta di memoria molto chiara e forte».

Da febbraio, diversi paesi europei - tra cui Francia, Spagna, Italia e Germania - hanno adottato politiche che danno ai sopravvissuti Covid solo una dose dei vaccini. In Israele ad esempio, leader mondiale nelle vaccinazioni, le autorità sanitarie inizialmente hanno rifiutato del tutto i vaccini ai pazienti Covid guariti, ma a febbraio hanno raccomandato loro di ricevere un colpo. Una nuova ricerca suggerisce che il vaccino di richiamo aggiunge protezione contro le nuove varianti che hanno avuto origine nel Regno Unito, in Sud Africa e in Brasile.

 

«Riteniamo che il nostro studio supporti la raccomandazione di somministrare una dose di vaccino a individui guariti per proteggersi dalle varianti originali e SARS-CoV-2», ha detto Michal Mandelboim, capo del Centro nazionale israeliano per l'influenza e i virus respiratori, in una e-mail. Uno studio su "Science" ha scoperto che nei sopravvissuti al Covid, le vaccinazioni hanno potenziato in maniera massiccia l'immunità contro le varianti. Negli Stati Uniti, i Centers for Disease Control and Prevention raccomandano ancora due dosi di vaccino per le persone che hanno avuto Covid, ma sono in discussione le prove crescenti che un vaccino potrebbe essere sufficiente. Gli Stati Uniti hanno somministrato dosi sufficienti per il 31% della sua popolazione, mentre Israele è già al 57%, secondo il calcolo recente di Bloomberg Vaccine Tracker.

AstraZeneca, allo Spallanzani via ai test con altri vaccini dopo la prima dose: coinvolti 600 volontari

In un post sul blog, il direttore del National Institutes of Health Francis Collins ha sollevato la possibilità che somministrare ai sopravvissuti una singola dose potrebbe «aiutare a estendere la fornitura di vaccini e ottenere più persone vaccinate prima. Ma qualsiasi altra considerazione su questa opzione richiederà più dati», ha ammonito.

Negli Stati Uniti, le scorte di vaccini sono relativamente abbondanti, ha detto Sajadi. Ma «per altri paesi, specialmente per quelli che hanno difficoltà a ricevere i vaccini, questa è davvero una domanda ancora importante. Ed è anche una domanda importante in generale perché non devi dare a qualcuno una medicina di cui non ha bisogno».

Covid: quanto ci si può contagiare stando con un infetto in stanza o in auto? Simulalo al pc


Ultimo aggiornamento: Sabato 17 Aprile 2021, 15:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA