Hpv, ogni anno in Italia oltre seimila casi di tumore

Hpv, ogni anno in Italia oltre seimila casi di tumore

Non solo il tumore della cervice uterina. In totale sono oltre 6.500 i nuovi casi di cancro l'anno che possono essere riconducibili  all'infezione da Papilloma Virus Umano (o Hpv). La maggioranza di queste malattie potrebbe essere evitata grazie alla vaccinazione di bambine/bambini e adolescenti. Tre donne sessualmente attive su 4 contraggono il virus nel corso della vita. Nel nostro Paese la vaccinazione anti-Papillomavirus è gratuita per le undicenni. Ma non solo le donne contraggono l'infezione, numerose patologie e tumori si registrano anche nell'uomo».

Marcia Cross di Desperate Housewives ha un tumore e fa appello: «Vaccinatevi contro il Papillomavirus»

IL TIPO
I due tipi contro cui è stato sviluppato il vaccino sono l'Hpv 16 e 18, i responsabili di circa il 70% dei casi di cancro alla cervice uterina. Il virus può rimanere latente per molto tempo, può restare nascosto nell'organismo e manifestarsi molto tempo dopo, anche anni, con lesioni, verruche genitali ed altre anomalie.
Il Pap test permette l'eventuale presenza. Se la risposta è positiva è opportuno che il partner si sottoponga ad una visita.

LA CAMPAGNA
Per favorire la prevenzione e fornire ai giovanissimi corrette informazioni su questo agente cancerogeno è nata la campagna di informazione
Ho una storia da raccontare … Dillo con arole … nostre” realizzata dalla Fondazione Insieme contro il Cancro in collaborazione con l'Associazione Italiana Malati di Cancro (AIMAC), l'Associazione Laboratorio Adolescenza e la Società Italiana di Medicina dell'Adolescenza (www.hounastoriadaraccontare.it/).  L'Hpv è «il secondo agente patogeno responsabile di cancro nel mondo -  spiega Francesco Cognetti, Presidente della Fondazione Insieme contro il Cancro -. Soprattutto è una condizione necessaria per lo sviluppo di tutti i tumori della cervice uterina. Si tratta di una neoplasia che ogni anno fa registrare solo nel nostro Paese 2.400 nuovi casi».

LA PROTEZIONE
Nonostante la vaccinazione anti-Hpv sia gratuita per tutte le 12enni  i tassi di copertura sono ancora troppo bassi. «Un terzo del totale delle infezioni - afferma Cognetti - riguarda i maschi, che corrono un rischio cinque volte maggiore di contrarre il virus. Alcune Regioni italiane fin dal 2015 hanno perciò deciso di ampliare l'offerta gratuita e attiva anche ai bambini di 12 anni». La vaccinazione va eseguita prima dell'inizio dell'attività sessuale e quindi del potenziale contagio. Oltre l'80% dei genitori, come si legge nel rapporto Censis, conoscono il virus ma per uno su tre riguarda solo le donne.
 
Venerdì 7 Giugno 2019, 18:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA