Vaccini, l'Australia blocca l'acquisto di Johnson & Johnson e frena su AstraZeneca: «Casi di coaguli»

Video

Il governo dell'Australia ha deciso di non acquistare il vaccino contro il Covid Johnson & Johnson monodose e ha identificato un secondo caso di un raro coagulo di sangue probabilmente legato ad AstraZeneca.

Il governo era in trattative con il colosso farmaceutico con sede nel New Jersey, che aveva chiesto all'autorità di regolamentazione australiana, la Therapeutical Goods Administration, la registrazione provvisoria. Ma il ministro della Salute Greg Hunt ha escluso un contratto J&J perché il suo vaccino era simile al prodotto AstraZenecaHunt ha detto che il governo sta seguendo il consiglio del gruppo consultivo scientifico e tecnico australiano. «J&J è un altro vaccino vettore virale e non abbiamo alcun consiglio per il governo. Non è una riflessione, è semplicemente un'osservazione».

L'Australia ha avuto un discreto successo nel contenere la diffusione del virus, ma crescono le critiche sul ritmo del lancio della vaccinazione. L'Australia aveva pianificato di fare affidamento su AstraZeneca di produzione australiana per raggiungere l'obiettivo di somministrare almeno una dose di vaccino a tutti gli adulti idonei su una popolazione di 26 milioni, entro ottobre. Ma il governo ha abbandonato questo obiettivo dopo aver fatto sapere la scorsa settimana che Pfizer era ora l'opzione preferita per le persone sotto i 50 anni a causa del potenziale rischio di rari coaguli di sangue legati ad AstraZeneca.

Vaccino, domande e risposte sulla seconda dose: quando, quale e possibili effetti collaterali

Un uomo nello stato di Victoria che aveva fatto AstraZeneca il 22 marzo è stato ricoverato in ospedale con coaguli di sangue. Un secondo caso è stato segnalato martedì in una donna che è stata vaccinata nello stato dell'Australia occidentale e ricoverata in ospedale a Darwin: tutte comunicazioni ufficiali della sanità australiana. Con 700.000 dosi di AstraZeneca iniettate in Australia dall'inizio di marzo, i due casi equivalgono a una frequenza di coagulazione di «1 su 350.000», ha  fatto sapere il governo. Le autorità britanniche affermano che il rischio di tali coaguli di sangue è di 1 su 250.000 in quel paese. Il governo ha raddoppiato il suo ordine Pfizer a 40 milioni di dosi e Hunt ha affermato che la consegna di ulteriori 20 milioni di dosi era prevista negli ultimi tre mesi del 2021.

Vaccini, da Pfizer ad AstraZeneca a Moderna: pro e contro dei medicinali in uso in Italia

 

 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 14 Aprile 2021, 10:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA