Il digiuno intermittente fa dimagrire davvero? Schema, orari e regole: tutto quello che c'è da sapere

Il digiuno intermittente fa dimagrire davvero? Schema, orari e regole: tutto quello che c'è da sapere

di Valentina Arcovio

L'esperienza di Elon Musk rilancia il programma che prevede di non mangiare per 16 ore difila e di mettersi per il resto regolarmente a tavola.

Ma è proprio vero? Ecco le risposte

1) IL DIGIUNO INTERMITTENTE ALLUNGA LA VITA

Vero. O almeno è questo quanto ha dimostrato uno studio pubblicato sulla rivista Cell Metabolism condotto su topi. I risultati mostrano che gli animali sottoposti a una dieta con digiuno intermittente erano più sani e longevi. Sono dati interessanti ma che vanno ancora dimostrati sull'uomo.

2) A DIGIUNO LA MENTE LAVORA MEGLIO

Vero. Un gruppo di ricercatori dell’Università della Virginia ha scoperto che una dieta che includa il digiuno intermittente può migliorare le capacità di memoria. Questo grazie all’aumento dei livelli di neurogenesi, ovvero l sviluppo di nuove cellule cerebrali, che si verifica con il digiuno.

3) PER AVERE SUCCESSO BASTA SEGUIRE LO SCHEMA ALIMENTARE ALLA LETTERA

Falso. Per questo è bene intraprendere questo programma alimentare sotto stretto controllo medico. Un cambiamento radicale e repentino delle abitudini alimentari può causare una serie di problemi, come un calo della glicemia e quindi stanchezza. E' bene dunque affidarsi a uno specialista.

4) QUANDO FINISCE IL PERIODO DI DIGIUNO SI PUO' MANGIARE QUELLO CHE SI VUOLE

Falso. Nei momenti dedicati al cibo solo pasti equilibrati. Si possono quindi mangiare diversi alimenti, ma meglio privilegiare verdure e frutta di stagione, pasta, riso e altri cereali, integrali e non e proteine di origine vegetale e animale, carni bianche o rosse.

5) TUTTI POSSONO PRATICARE IL DIGIUNO INTERMITTENTE

Falso. Qualsiasi forma di digiuno intermittente è assolutamente da evitare nei bambini, negli adolescenti, nelle donne in gravidanza o in allattamento, nei diabetici di tipo 1 e in tutti i casi di disturbo del comportamento alimentare. Per questo si consiglia di chiedere il parere del medico.

6) NON TUTTI PERDONO GLI STESSI CHILI

Vero. Non esiste una quantità di chili standard che chi sperimenta questo regime alimentare può perdere. Il peso perso è proporzionale alla durata del digiuno e dipende strettamente dalle calorie assunte nella seconda fase della dieta, sebbene a contribuire sia anche l’attività fisica svolta.

7) IL DIGIUNO INTERMITTENTE FA BENE AL CUORE

Vero. Secondo solide evidenze scientifiche, questo regime alimentare può migliorare numerosi fattori di rischio per le malattie cardiache. In particolare, i dati indicano che il digiuno intermittente riduce la pressione sanguigna, i livelli di lipidi nel sangue e la frequenza cardiaca a riposo.

8) SI DIMAGRISCE MOLTO PERCHE' SI PERDE ANCHE MASSA MUSCOLARE

Falso. Con il digiuno intermittente si dimagrisce perché si limita l’apporto calorico in un determinato lasso temporale. In questo modo, viene favorita la perdita della massa grassa mentre a essere salvaguardata è la massa magra, dato che l’organismo è stimolato a consumare le riserve di grasso.

9) IL DIGIUNO INTERMITTENTE E LA DIETA MIMA-DIGIUNO SONO LA STESSA COSA

Falso. La dieta “mima digiuno” di Walter Longo è un protocollo alimentare interamente vegetale. Dura 5 giorni e prevede un apporto calorico di 1150 kcal il primo giorno e di circa 800 kcal dal secondo al quinto giorno. Il suo obiettivo è la detossificazione del corpo e non il dimagrimento.

10) LA PRATICA DEL DIGIUNO FA PARTE DI UNA TRADIZIONE ANTICA

Vero. Il digiuno è una pratica antica seguita da diversi popoli e culture. Invece, come metodo terapeutico per il trattamento dell’obesità risale almeno al 1915. Intorno al 1945 il digiuno intermittente entra in scena per poi essere oggetto di un rinnovato interesse negli anni ’60.


Ultimo aggiornamento: Domenica 18 Settembre 2022, 19:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA