Sicilia, pacchetti vacanze per le isole scontati «fino al 20%» con vaccino incluso. La proposta

Sicilia, pacchetti vacanze per le isole scontati «fino al 20%» con vaccino incluso. La proposta

Se prima i pacchetti turistici offrivano escursioni, ora propongono vaccini. E così anche la Sicilia si adegua. Il commissario Covid di Messina, Alberto Firenze, propone che la regione permetta ai turisti di acquistare viaggi scontati «fino al 20%» nelle cinque isole minori (Alicudi, Filicudi, Stromboli, Panarea e Vulcano). Ma a una condizione: che chi arriva si fa anche il vaccino. Una scelta che è già stata portata avanti da altri Paesi come Malta, Emirati Arabi, Russia, le Maldive e le Mauritius. L'idea lanciata da Firenze è ancora in fase embrionale e «sarà poi competenza della regione decidere», sottolinea il commissario. Anche perché la priorità adesso è un'altra: vaccinare i residenti. E da lunedì, nelle isole siciliane, inizierà la vaccinazione di massa.

Commissario, quale vaccino sarà somministrato a chi acquista il pacchetto turistico?

Se non hai caratteristiche sanitarie che impongono Pfizer o Moderna, quello che stiamo facendo di più sulle isole, allora si fa Johnson&Johnson, che ha il vantaggio di essere somministrato con una sola dose. Peraltro, con gli altri due vaccini, che decide di venire dovrebbe rimanere almeno 21 giorni per il richiamo.

Come si può richiedere?

Attraverso il portale della regione Sicilia. E hai diritto anche a una scontistica per il viaggio.

Quanto?

Dal 15 al 20%. Ma stiamo aspettando l'approvazione da parte dell'assessorato. Per ora è solo un'idea.

Tema vaccini. In Sicilia si sono organizzati degli open day per le iniezioni. Perché avete scelto questo modo?

Si è visto che nell'ultimo periodo le aziende vaccinali non avevano prenotazioni. Una spiegazione può essere perché molte persone anziene hanno difficoltà nell'uso della piattaforma e, più in generale, degli strumenti informatici. Ma questo li ha allontanati dalla vaccinazione. Da qui la possibilità di venire senza prenotazione.

Quanti sono le prenotazioni per i vaccini in Sicilia?

Ieri a Messina avevamo 200 prenotati. Numeri veramente bassi. 

Perché la gente non vuole prenotare?

C'è una grande diffidenza nei confronti di Astrazeneca. Nei frigoriferi dei punti vaccinali abbiamo oltre 200mila dosi che nessuno vuole. E ne arriveranno altre. 

Chi si prenota quando sa quale sarà il vaccino iniettato?

Viene indicato alla fine della procedura sulla piattaforma di Poste Italiane ed è scelto in base alla propria tessera sanitaria e codice fiscale. L'utente può scegliere poi il centro vaccinale.

Quali vaccini ci sono nei centri vaccinali?

Alcuni, quando era iniziata la campagna di vaccinazione, avevano solo un tipo di vaccino. Mentre ora li hanno tutti. Anche perché Pfizer adesso è possibile averlo ovunque dopo che è stato indicato che per la conservazione si può lasciare a -25 gradi e non più a -80.

Quando viene comunicato quale vaccino mi sarà iniettato se mi presento spontaneamente?

Al momento del colloquio con il medico. E tutti sperano di essere vaccinati con Pfizer o Moderna. 

E ci sono rifiuti?

Sì, molti se ne sono andati via quando hanno saputo che dovevano fare Astrazeneca.

C'è paura?

Sì, molti sanno che a loro toccherà Astrazeneca e quindi non ci vanno proprio. Sanno che devono fare la fila e che non hanno patologie o documentazione sanitaria per cui per a loro spetta Pfizer e dunque si rifiutano.

Quante sono le dosi Pfizer che avete a disposizione?

Sono quasi tutte assegnate. Nella provincia di Messina ne arrivano 10-12mila a settimana. Ma in giacenza non ce ne sono. Le dobbiamo centellinare tra seconde dosi e over 80.


Ultimo aggiornamento: Martedì 4 Maggio 2021, 21:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA