Tumore maligno di 5 kg non riducibile con chemio rimosso a paziente di 16 anni, intervento record a Padova

«Un risultato raggiunto grazie alla collaborazione tra equipe e alla condivisione di competenze, un vero gioco di squadra», ha detto il direttore del centro ospedalier

Tumore maligno di 5 kg rimosso a paziente di 16 anni, intervento record a Padova

Un altro primato si aggiunge a quelli conquistati dall'Azienda ospedaliera di Padova: attraverso una tecnica molto specifica e particolare, l'equipe operatoria ha eseguito infatti un intervento chirurgico straordinario su un paziente di 16 anni, a cui è stato rimosso un tumore maligno di ben 5 chilogrammi.

Tumori, quali sono i migliori ospedali? La nuova classifica italiana e la mappa dei centri specializzati

L'intervento

È stato un intervento chirurgico straordinario quello eseguito dall'Azienda ospedaliera di Padova. Effettuato su un paziente di 16 anni originario della Bosnia Erzegovina, l'intervento ha visto la rimozione di un tumore maligno di 5 chilogrammi, impossibile da ridurre con chemioterapiaIl giovane è stato preso in carico dal Gruppo oncologico multidisciplinare tumori solidi pediatrici (Gom), ed è stato seguito dalla Chirurgia pediatrica e dalla Cardiochirurgia pediatrica. L'intervento è stato possibile grazie all'impiego di apparecchi di supporto delle funzioni vitali in stand by e all'utilizzo di una ricostruzione in 3D. Sono stati necessari cinque giorni di terapia intensiva cardiochirurgica. La dimissione del ragazzo è stabilita in 40 giorni: attualmente prosegue il follow up clinico e radiologico nel Centro di provenienza in Bosnia, e continua ad essere seguito con servizio di telemedicina a Padova. L'Unità operativa complessa di Chirurgia Pediatrica registra 1.300 ricoveri ogni anno ed eroga 1.500 procedure chirurgiche, mentre quella di Cardiochirurgia Pediatrica conta 130 ricoveri l'anno ed esegue 250 prestazioni chirurgiche. «Siamo molto orgogliosi di questo risultato - ha commentato il direttore generale dell'Azienda ospedaliera di Padova, Giuseppe Dal Ben, a margine della presentazione di quest'oggi -.

Si tratta di un risultato raggiunto grazie alla collaborazione tra equipe e alla condivisione di competenze, un vero gioco di squadra che caratterizza la nostra realtà».

Carolyn Smith: «Il tumore al seno è tornato, faccio chemioterapia ogni tre settimane. Milly? Mi ha salvato la vita»


Ultimo aggiornamento: Giovedì 26 Ottobre 2023, 17:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA