Omicron, verso quarantena light per gli asintomatici. Gimbe: senza aerazione, mascherine a scuola

Il ministero della Salute valuta le prossime disposizioni

Quarantena light per gli asintomatici. Gimbe: senza aerazione, mascherine a scuola

«Io credo che l'obiettivo sia convivere con il virus, e la convivenza significa anche rivedere e rivalutare le regole in caso di positivi asintomatici. Sicuramente prevedo che nei prossimi giorni ci potrà essere la riduzione dell'isolamento per chi è positivo e non ha sintomi. Dopo di ché, il passo successivo credo sia considerare l'ipotesi, in caso di positivi senza sintomi, di eliminare la quarantena». Lo ha detto il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, intervenendo ad Agorà su Rai 3 aggiungendo che «altrimenti, con tutti questi positivi, il rischio è trovarci involontariamente a bloccare di nuovo il Paese».

 

Le regioni spingono per una quarantena breve

Le Regioni da tempo spingono per una quarantena più breve. Attualmente la quarantena prevede un minimo di sette giorni con tampone negativo d'uscita, come deciso nell'attuale normativa. Nulla è stabilito, ma il ministero della Salute - che al momento smentisce un imminente cambio di regole - starebbe valutando la possibilità di introdurre la nuova regola - proposta dai governatori - che permetterebbe l'uscita dall'isolamento a 48 ore dalla fine dei sintomi, mantenendo però obbligatorio il tampone negativo (ma non con un test fai da te). 

Omicron 5, perché il tampone fai-da-te è sconsigliato? Dalle modalità alla tipologia di test

Quarantena Covid, Ciccozzi: «Va accorciata, adeguata a Omicron 5. Sintomi via dopo 4-5 giorni»

SCUOLA - L'assenza di interventi su aerazione e ventilazione ostacolano il rientro in classe senza mascherine. E' stato massiccio l'utilizzo di risorse pubbliche da parte delle scuole per attività di disinfezione delle superfici, ma limitata la considerazione delle evidenze scientifiche che impongono investimenti per migliorare la qualità dell'aria. E' questo uno dei risultati emersi dalla survey della fondazione Gimbe in collaborazione con l'associazione nazionale dirigenti pubblici e alte professionalità della scuola (Anp) che ha coinvolto 312 istituzioni scolastiche. l'indagine rivela inoltre difficoltà nelle attività di tracciamento: in un caso su tre ritardi delle Asl nell'attivazione delle procedure di loro competenza. Il 76,2% dei rispondenti dichiara di avere ricevuto mascherine chirurgiche in quantità superiori al necessario. Per migliorare ventilazione e aerazione dei locali ci si è affidati prevalentemente al protocollo «finestre aperte», in misura minore ad attrezzature per la purificazione e filtrazione dell'aria e solo in 9 casi sono stati installati sistemi di ventilazione meccanica controllata. Nel 46% dei casi non è stata ricevuta nessuna informazione, dal Ministero o dalle Asl, sulla trasmissione prevalente del virus per aerosol e su dispositivi o impianti per l'areazione degli ambienti scolastici. Solo nel 14,8% dei casi le informazioni hanno riguardato entrambe le tematiche. «L'assenza di interventi strutturali in grado di garantire un'adeguata ventilazione ed aerazione dei locali - commenta Antonello Giannelli, presidente Anp - è il vero tallone d'Achille, in assenza del quale il prossimo anno scolastico difficilmente potrà essere affrontato senza ricorrere all'utilizzo delle mascherine».


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 27 Luglio 2022, 08:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA