Infertilità e gravidanza, lo studio: gli ovuli delle donne scelgono gli spermatozoi (e il partner potrebbe essere quello "sbagliato")

video
Gli ovociti delle donne 'scelgono' gli spermatozoi, anche dopo il aver fatto sesso. Una scelta che non sempre va d'accordo con il partner scelto dalla donna. Lo indica una ricerca dell'università di Stoccolma, coordinata da John Fitzpatrick e pubblicata sulla rivista Proceedings of the Royal Society B.

LEGGI ANCHE Aborto, salute e lavoro: i diritti negati alle donne e alle ragazze in Europa con la pandemia

«Gli ovociti umani rilasciano dei segnali chimici, chiamati chemoattrattivi, che attraggono gli spermatozoi verso gli ovociti non fecondati. Noi volevamo capire se gli ovociti usavano questi segnali per scegliere quali spermatozoi attirare», commenta Fitzpatrick. Così i ricercatori hanno esaminato come gli spermatozoi rispondono al fluido follicolare, che circonda gli ovociti e contiene queste specie di 'calamite chimiche', per scoprire se il fluido di donne diverse attraeva gli spermatozoi di alcuni uomini e non di altri.

«Abbiamo osservato che il fluido follicolare di una donna era migliore nell'attrarre gli spermatozoi di un determinato uomo, mentre quello di un'altra donna attirava di più quelli di un altro partner», aggiunge Fitzpatrick. Ciò dimostra, secondo i ricercatori, che le interazioni tra gli ovociti e spermatozoi dipendono dall'identità specifica della donna e uomo coinvolti. L'ovocita, purtroppo per la coppia, non sempre concorda con la scelta del partner fatta dalla donna.

Si può parlare dunque di 'scelta' da ovociti o spematozoi? «Gli spermatozoi devono fare una cosa sola, cioè fecondare l'ovulo, quindi non ha molto senso per loro fare i difficili. Gli ovociti invece possono trarre beneficio dallo scegliere uno spermatozoo di alta qualità o geneticamente compatibile», commenta Fitzpatrick. Un risultato questo che potrà aiutare a capire alcuni dei casi di infertilità che attualmente non trovano spiegazione.

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 10 Giugno 2020, 20:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA