West Nile, primo caso di infezione in Italia: è un donatore di sangue della provincia di Parma

Il virus circola in Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, Sicilia e Sardegna

West Nile, primo caso di infezione in Italia: è un donatore di sangue della provincia di Parma

É un donatore di sangue parmense il primo caso confermato di infezione da virus West Nile (Wnv). La Provincia di Parma è una provincia già colpita dalla circolazione del virus negli animali vettori. «Inoltre, salgono a 14 le Province con dimostrata circolazione di Wnv in vettori e animali, appartenenti a 5 Regioni: Piemonte, Lombardia, EmiliaRomagna, Sicilia e Sardegna», specifica l'Istituto superiore di Sanità.

West Nile, primo caso a Parma: è un donatore di sangue

Lo segnala l'Istituto superiore di sanità (Iss) sul proprio sito. Quest'anno «la stagione di trasmissione di malattie trasmesse da insetti ha avuto un inizio precoce in Italia. La circolazione del virus West Nile, infatti, è stata confermata dalla presenza del virus in pool di zanzare e in avifauna nel paese già nel mese di maggio 2023 - continua l'Iss - Sono state di conseguenza attivate precocemente le misure di prevenzione su trasfusioni e trapianti nelle aree interessate. Recentemente anche l'Ecdc ha lanciato un alert sulle zanzare invasive e i conseguenti rischi per la salute». «Sebbene ad oggi non siano stati notificati casi confermati di infezione nell'uomo da virus West Nile contratti nei mesi di aprile e maggio 2023, è possibile che la circolazione di questo o di altri patogeni trasmessi da insetti possa aumentare nelle prossime settimane», precisa l'Iss.

«Si sono inoltre verificate emergenze idro-geologiche per eventi climatici estremi in diverse Regioni Italiane. Dal 15 maggio 2023 una forte ondata di maltempo sta interessando in particolare numerose province della Regione Emilia-Romagna dove si sono registrate esondazioni e frane (dati dipartimento della Protezione Civile). Inondazioni, esondazioni ed alluvioni sono associate all'aumento del rischio di alcune malattie infettive, incluse le arbovirosi trasmesse da zanzare, come il virus West Nile, endemico in Italia, e i virus dengue e chikungunya, che hanno dato luogo a focolai sporadici nel nostro paese», conclude l'Iss. 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 13 Luglio 2023, 14:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA