Omicron, perché si chiama così? L'Oms ha saltato "Nu" e "Xi" (ed evitato uno sgarbo alla Cina)

La Nu evitata per non far confusione con la parola “new”, nuovo in inglese, e la Xi per la somiglianza con il nome del leader cinese Xi Jinping

Video
di Francesca Nunberg

Se gli uragani non devono più avere nomi di donna, casomai la furia devastatrice venisse associata al genere femminile, e perfino Alexa, l’assistente vocale di Amazon, ha dovuto cambiare sesso e denominazione, figurarsi se il virus poteva sottrarsi alla mannaia del “politically correct”. Fatto sta che molti si sono chiesti perché l’Organizzazione Mondiale per la Sanità avesse deciso di chiamare Omicron la pericolosa variante del Covid appena scoperta in Sudafrica. Già, perché se pure i comuni mortali sono rimasti alla Delta, tutte le lettere a seguire dell’alfabeto greco sono state utilizzate. Alfa, Beta, Gamma e Delta le più preoccupanti, Eta, Iota, Kappa e Lambda sorvegliate speciali, Epsilon, Zeta e Theta “di interesse” e ultima, rilevata a settembre, la Mu, colombiana. Adesso, saltando inspiegabilmente Nu e Xi, si è arrivati alla Omicron, la variante del Coronavirus più preoccupante mai registrata finora, con le sue 32 mutazioni, un numero triplo rispetto a quelle della Delta. Esperti, editorialisti e social hanno dato una risposta: la Nu sarebbe stata evitata per evitare confusione con la parola “new”, nuovo in inglese, e la Xi per la sua somiglianza con il nome del leader cinese Xi Jinping. Comico? Non troppo.

 

Variante Omicron, il suo viaggio in Europa: «La donna contagiata in Belgio non aveva collegamenti con l'Africa e non era vaccinata»

Omicron, primi due casi in Gran Bretagna. In Olanda controlli su 61 positivi dal Sudafrica

 

Variante Omicron, perché è stata evitata la Xi

Se nel marzo 2020 Pechino accusò il presidente Usa Donald Trump di voler infangare il Paese per aver scritto «virus cinese» in un tweet, mentre loro non avevano alcuna colpa per gli immensi danni economici e finanziari subiti dalle industrie americane, adesso si cercherebbe di non surriscaldare il clima tra Stati Uniti e Cina. Quindi almeno il nome del leader meglio evitarlo, si saranno detti i responsabili dell’onomastica. Il senatore repubblicano Ted Cruz ha ritwittato un articolo del “Telegraph” in cui era citata una fonte dell’Oms che spiegava come la lettera Xi fosse stata saltata «per evitare di stigmatizzare un Paese». «Ma allora - si è chiesto il senatore americano - se l’Oms ha così paura del Partito comunista cinese, come può poi convocarli per affrontare insieme una pandemia globale così devastante?». Complimenti all’Oms per la scelta di saltare lettere che «avrebbero potuto generare confusione» sono arrivati invece dall’editorialista del “Wall Street Journal” Ben Zimmer. Sui social tutti si sono sbizzarriti. «Come appassionato delle lettere - si legge in un tweet - mi dispiace che Nu e Xi non abbiano potuto avere il loro momento di gloria. Capisco il motivo, ma resta una delusione». E ancora, rispetto alla variante Nu, c’è chi si è detto contento «di non avere il Natale cancellato da qualcosa che suona come una playlist dei Limp Bizkit» (gruppo musicale rap metal statunitense).

 

Quinta variante pericolosa

Comunque Omicron, indipendentemente dal nome con cui è stata battezzata, è la quinta variante pericolosa dopo Alfa, Beta, Gamma e Delta. Si teme addirittura più contagiosa delle altre. Se entro l’anno potrebbero arrivare i vaccini aggiornati contro Alfa, Beta e Gamma, e in primavera quello contro la Delta, la nuova Omicron sudafricana è appena allo studio. Anche le case farmaceutiche si sono messe al lavoro: sia Moderna che Pfizer/BioNTech hanno reso noto di aver avviato gli studi sulla variante B.1.1.529 e contano di avere i risultati entro due settimane. Ma per l’eventuale vaccino poi bisognerà attendere almeno 100 giorni. Sempre che non si debba ricominciare da capo con le varianti Pi, Ro, Sigma, Tau... o comunque si decida di chiamarle.

 

 

 

 

Video

 

 


Ultimo aggiornamento: Sabato 27 Novembre 2021, 18:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA