Variante Lambda, cos'è? Sintomi, efficacia dei vaccini e perché l'Oms l'ha definita «di interesse»

Video
di

A sollevare le prime preoccupazioni è stata direttamente l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) che l'ha definita «di interesse». La nuova variante Lambda (o C.37) è una mutazione del virus Sars-Cov-2 che è stata rilevata per la prima volta in Perù - e per questo per molti è diventata la «variante peruviana» - nell'agosto del 2020, per poi diffondersi in altri Paesi del mondo (29 in totale) e specialmente in America del Sud. Nel mese di aprile - spiega l'Oms - l'81% dei casi di Covid-19 in Perù sono stati ricondotti al ceppo Lambda. E questo virus avrebbe un «potenziale aumento della trasmissibilità e della resistenza agli anticorpi neutralizzanti».

Variante Lambda, allerta Oms. «Già diffusa e identificata in 29 Paesi»

Variante Lambda: sintomi ed efficacia dei vaccini

«I vaccini sono fondamentali per contrastare le nuove varianti del coronavirus, come la Lambda», ha spiegato l'Oms aprendo quindi le porte ad un'efficacia dei vaccini Pfizer, AstraZeneca e Johnson&Johnson contro la variante, per i quali però c'è ancora bisogno di studi ufficiali che ne certifichino l'efficacia. Il Perù in più ha ricevuto e iniettato molte dosi anche del vaccino cinese Sinopharm, dal quale è nato anche uno scandalo politico che ha coinvolto alcuni capi del governo. I sintomi non sembrano molto diversi dal Covid più "conosciuto" in Europa, sebbene sia ancora in fase di studio da parte delle organizzazioni mondiali: febbre, mal di testa, tosse e raffreddore oltre che alla perdita dell'olfatto. Secondo il rapporto dell’Oms saranno necessari studi approfonditi sugli impatti “fenotipici” per capire come controllarne la diffusione.

Perché l'Oms l'ha definita «di interesse»

L'Organizzazione mondiale della sanità ha definito la Lambda «di interesse», che altro non è che lo step che precede quello delle «varianti preoccupanti» come sono invece la variante Alpha (inglese), Beta (sudafricana), Gamma (brasiliana) e la variante Delta (indiana). Allo stato attuale la variante Lambda è stata identificata in 29 Paesi, con una maggiore circolazione in America Latina, in particolare Cile (31% di prevalenza complessiva), Perù (9%), Ecuador (8%) e Argentina (3%). 

 

 

Tutte le varianti «di interesse» secondo l'Oms

La Lambda non è la sola variante definita di interesse dall'Oms e attualmente in circolazione. Ce ne sono altre sei al momento secondo l'organizzazione mondiale della sanità. L'agenzia delle Nazioni Unite ha identificato il ceppo Lambda sulla base della recente decisione di attribuire lettere greche per designare le varianti senza stigmatizzare i paesi in cui vengono rilevate per la prima volta.

Epsilon: scoperta a marzo 2021 negli Stati Uniti, in circolazione da marzo 2020;
Zeta: scoperta a marzo 2021 in Brasile, in circolazione da aprile 2020;
Eta: scoperta a marzo 2021 in vari Paesi, in circolazione da dicembre 2020;
Theta: scoperta a marzo 2021 nelle Filippine, in circolazione da gennaio 2021;
Iota: scoperta a marzo 2021 negli Stati Uniti, in circolazione da novembre 2020;
Kappa: scoperta ad aprile 2021 in India, in circolazione da ottobre 2020.

 

 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 17 Giugno 2021, 17:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA