Ora è allarme variante inglese tra i giovani. I medici: «Risulta più appiccicosa»
di Giuseppe Scarpa

Covid, ora è allarme variante inglese tra i giovani. I medici: «Risulta più appiccicosa»

Quella che prima era una misteriosa e nuova variante rilevata per la prima volta nel Regno Unito è ora il ceppo di coronavirus dominante negli Stati Uniti. E a differenza del ceppo originale del nuovo coronavirus, il ceppo B.1.1.7 è più contagioso e sta colpendo i giovani in modo particolarmente duro. «I casi e i ricoveri al pronto soccorso sono aumentati», ha detto il dottor Rochelle Walensky, direttore del Center for Disease Control and Prevention. «Stiamo assistendo a questo aumento tra i giovani adulti, la maggior parte dei quali non sono ancora stati vaccinati». Ora i medici dicono che molti giovani stanno soffrendo di complicazioni del Covid-19 che non si aspettavano. Ed è tempo di abbandonare la convinzione che solo gli anziani o le persone con condizioni preesistenti siano a rischio di contrarre il Covid-19 in forma grave. 

Variante giapponese, cosa sappiamo: maggiore contagiosità e presunta resistenza al vaccino

I virus mutano continuamente e la maggior parte delle mutazioni non sono rilevanti. Ma se sono significative possono portare a nuove pericolose varianti di un virus. «La variante B.1.1.7 ha mutazioni che le consentono di legarsi maggiormente» alle cellule, ha affermato il dottor Jonathan Reiner, analista medico e professore di medicina e chirurgia presso la George Washington University.  Il coronavirus si attacca alle cellule con le sue proteine ​​spike, le punte che circondano la superficie del virus. «C'è una piccola differenza nel modo in cui il B.1.1.7 tiene la proteina spike, che la fa aderire alle cellule un po' più facilmente», ha detto il medico di emergenza Dr Megan Ranney, direttore del Brown-Lifespan Center for Digital Health.

Con il ceppo originale del nuovo coronavirus, «è necessario un certo inoculo - una certa quantità di virus - affinché l'infezione si attacchi sostanzialmente», ha detto Reiner. «Una particella virale è sufficiente per farti ammalare? No, probabilmente no. D'altra parte a volte un inoculo massiccio può uccidere una persona altrimenti sana. E l' abbiamo visto negli operatori sanitari», ha detto.  «Quindi queste nuove varianti, in particolare la variante britannica, sembrano essere più appiccicose. Quindi l'idea è che sia più contagiosa, per così dire, perché potenzialmente non hai bisogno di tanto inoculo per ammalarti».  Che cosa significa nella vita reale: «Puoi essere in un posto e magari avere un'esposizione più breve o avere un'esposizione minore - un'esposizione più casuale - e poi essere infettato», ha detto Reiner. E poiché B.1.1.7 è più "appiccicoso", «potresti effettivamente avere una carica virale più elevata. Se hai un numero maggiore di particelle virali nel tratto respiratorio, sarà più facile diffonderlo ad altre persone», ha detto Ranney. Questo è un altro motivo per cui è così importante che i giovani adulti vengano vaccinati. 

Covid, in Cina segnalato il numero più alto di casi dal 31 gennaio: intera città in quarantena e test di massa. India record di contagi

Ma ecco il problema: più a lungo circola un virus, maggiori sono le opportunità di sviluppare nuove mutazioni. E se le mutazioni sono significative, possono portare a varianti più problematiche, comprese alcune che potrebbero eludere la protezione del vaccino. «Per me, questo è un segnale di avvertimento», ha detto Ranney. Il B.1.1.7 «si diffonde più facilmente. Sta aumentando il numero di casi. Stiamo assistendo ad un aumento dei ricoveri, probabilmente a causa della diffusione di B.1.1.7. Ma i vaccini funzionano contro di essa», ha detto. «Potrebbero esserci varianti future per le quali non siamo così fortunati».

 

 


Ultimo aggiornamento: Martedì 13 Aprile 2021, 12:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA