Variante Delta Plus: sintomi, cosa provoca, come si cura e perché può danneggiare di più i polmoni

Variante Delta Plus: sintomi, cosa provoca, come si cura e perché può danneggiare di più i polmoni

Dall’India è stata considerata «una variante di interesse». È la delta plus, una mutazione della variante Delta, quella un tempo chiamata indiana. Così il Covid non smette di mutare da quanto è stato scoperto in Cina a fine 2019. E le varianti diventano sempre più predominanti. Se prima era quella inglese, ora chiamata “alpha”, a essere la più diffusa in gran parte dell'Europa, ora è la delta che si propaga velocemente. E dunque cresce la preoccupazione che possa diventare il nuovo nemico contro cui combattere.

Variante Delta, casi in aumento in Italia: «Colpisce gli under 30, tra i meno vaccinati»

Variante delta plus, quando è stata individuata

La Delta Plus è stata individuata per la prima volta in India nel mese di aprile. Mentre è stata segnalata in un bollettino del Public Health England, l'agenzia del governo inglese, l’11 giugno. Si tratta di un sottotipo della variante Delta, che ha acquisito una mutazione – chiamata K417N – della proteina spike del coronavirus presente nella variante beta.

Vaccini, l'allarme di Fontana: «Poche dosi. Pronti a sospendere le prenotazioni»

Dove si trova

La Public Health England, l'agenzia del governo inglese, ha trovato 40 casi della nuova sequenza del Covid. Ma dei casi di positivi alla nuova variante non solo sono stati trovati solo in Inghilterra. Anche negli Stati Uniti sono stati segnalati 83 positivi alla variante delta plus lo scorso venerdì. Ma ce ne sono anche in Canada, India, Giappone, Nepal, Polonia, Portogallo, Russia, Svizzera e Turchia.

 

Sintomi, cosa provoca

Maggiore trasmissibilità, più facilità di legarsi alle cellule polmonari e potenziale riduzione della risposta anticorpale monoclonale, che potrebbe ridurre l’efficacia di una terapia con anticorpi monoclonali salvavita somministrata ad alcuni pazienti Covid ricoverati. Sono questi i tre aspetti che preoccupano di più della variante del plus. Anche se per quanto riguarda le monoclonali bisogna rilevare che è un trattamento sperimentale e poche persone sono risultate idonee.

Come si cura

Sono tre i farmaci approvati e utilizzati finore per curare il Covid. Remdesivir, desametasone (con parere favorevole dell’Agenzia europea dei medicinali) ed enoxaparina. Sono quindi questi che possono essere utilizzati anche contro la variante Delta plus, almeno per i casi sintomatici. Per quanto riguarda la terapia con gli anticorpi monoclonali, come rilevato in precedenza potrebbe non funzionare rispetto a questa mutazione del coronavirus.

 


Ultimo aggiornamento: Venerdì 16 Luglio 2021, 19:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA