Variante Delta in Italia al 16,8%. Cts: «Per fermare i focolai zone rosse localizzate»

Video
di Francesco Malfetano

«Si tratta della mutazione più trasmissibile tra quelle scoperte finora». In altre parole: la variante Delta fa sempre più paura. Lo certifica non solo l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), quanto soprattutto il Sistema di Sorveglianza Integrata Covid-19 dell’Istituto superiore di sanità (Iss). I nuovi dati italiani infatti assegnano alla mutazione la responsabilità del 16,8% dei casi totali registrati nella Penisola al 21 giugno. Certo distante dalla Alfa, la ex mutazione inglese, che risulta ancora la più diffusa al 74,92%, ma in netta crescita. Tra Delta e Kappa, il suo sottotipo, si è passati dal 4,2% del mese di maggio al quasi 17 attuale. 
I dati peraltro non sono ancora consolidati ma frutto “solo” delle prime segnalazioni dei sequenziamenti. Verosimilmente quindi, i numeri che saranno pubblicati lunedì potrebbero essere ancora maggiori (ma comunque «sotto il 20%» ha precisato Franco Locatelli, coordinatore del Comitato tecnico scientifico). In ogni caso, come spiega Anna Teresa Palamara, direttrice del Dipartimento Malattie Infettive dell’Iss, ciò che emerge è «un quadro in rapida evoluzione che conferma come anche nel nostro Paese, come nel resto d’Europa, la variante Delta del virus stia diventando prevalente». La buona notizia è che, per quanto in ritardo e in maniera ancora assolutamente insufficiente, la capacità di sorveglianza genomica delle varianti di SARS-CoV-2 sta aumentando: dallo 0,5% dei casi sequenziati a gennaio, al 2,5% della prima metà di giugno. Sempre meno del 5% richiesto dal Centro europeo per il controllo delle malattie (Ecdc), ma quantomeno è un inizio. 

 

 

Draghi a Bruxelles: «Variante Delta? Crea incertezza sulla ripresa economica, va intensificata la campagna vaccinale»

 

Sequenziamento

D’altronde «aumentare il sequenziamento» come ha spiegato Mario Draghi ieri in conferenza stampa al termine del Consiglio Ue, insieme al «continuare con determinazione la campagna vaccinale» e «continuare e aumentare i tamponi», sono le uniche armi a nostra disposizione per evitare di ripiombare in una situazione ben più difficile di quella attuale. 
Lo sa bene Locatelli che a SkyTg24 ha però precisato che «in funzione delle evidenze che avremo si possono prendere decisioni per cercare di contenere il tutto». Tradotto: se serve a limitare la variante controllandone i focolai, si ricorrerà di nuovo alle zone rosse localizzate. «È la flessibilità del sistema - ha aggiunto Locatelli - lo stesso che abbiamo adottato per esempio per le zone dell’Umbria quando c’è stata la variante brasiliana» e si è intervenuti con la zona rossa. «In questo momento il Paese è bianco ma guai ad abbassare la guardia - ha concluso - siamo in una situazione più favorevole e possiamo oggi valutare numeri diversi rispetto al passato. Ma il problema non è superato».  E non lo è soprattutto perché, come chiarisce una circolare del ministero della Salute emanata ieri che riprende le evidenze comunicate dalla Gran Bretagna nelle scorse settimane, la Delta «è del 40-60% più trasmissibile rispetto alla Voc Alpha (B.1.1.7) e può essere associata a un rischio più elevato di ospedalizzazione». Per questo, portare avanti la campagna vaccinale completando il ciclo con entrambe le dosi a ritmi serrati è fondamentale. «Vi sono evidenze - continua la circolare - che quanti hanno ricevuto solo la prima dose di una vaccinazione che prevede la somministrazione di due dosi per il completamento del ciclo vaccinale, sono meno protetti contro l’infezione con la variante Delta». Il completamento «del ciclo vaccinale fornisce invece una protezione» adeguata. 

 

Indice Rt resta a 0,69 e scende l'incidenza. Iss: «Contro variante Delta servono più vaccini»

 

 

 

La situazione

«Vaccinare. Vaccinare. Vaccinare» è anche la ricetta rilanciata dalla presidente della commissione Ue Ursula von der Leyen, per stroncare la costante avanzata della variante Delta in Europa. I contagi d’altronde, sono già in crescita esponenziale nel Regno Unito (primo Paese seriamente colpito del Vecchio Continente) e il Portogallo, che invece preoccupa per le poche restrizioni imposte ai viaggiatori. In Italia invece - che da lunedì vedrà passare anche la Valle d’Aosta in bianco - l’impatto non è ancora evidente. Secondo il monitoraggio settimanale dell’Iss infatti, l’indice Rt è stabile a 0,69 e l’incidenza è a 11 nuovi casi su 100mila abitanti (contro i 17 dei 7 giorni precedenti). 
Altrove però, non solo in Europa, l’impennata è già chiara. E così se il Giappone denuncia che la variante diventerà prevalente pochi giorni prima dell’inizio delle Olimpiadi (attorno al 12 luglio), la Russia fa i conti con 20mila nuovi contagi in 24 ore e il record di morti a Mosca, 600.
Non solo. La situazione è in evoluzione anche in Australia, dove diversi quartieri di Sydney sono stati chiusi, e soprattutto in Israele. Nel Paese che per primo aveva cantato vittoria contro il virus, grazie ad una rapidissima campagna di vaccinazione di massa, il governo ha reintrodotto l’obbligo di mascherina al chiuso, abolito lo scorso 15 giugno. Un passo indietro che, si spera, non dovrà esser

Variante Delta Plus: sintomi, cosa provoca, come si cura e perché può danneggiare di più i polmoni

 

 

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: Sabato 26 Giugno 2021, 09:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA