Vaiolo delle scimmie come la varicella? I sintomi simili e il tema della febbre: le differenze

Il virus ha iniziato ad emergere in diversi Paesi europei, compresa l'Italia

Vaiolo delle scimmie come la varicella? I sintomi simili e il tema della febbre: le differenze

L'emergere improvviso di casi positivi al vaiolo delle scimmie in diversi Paesi d'Europa e non solo ha riportato la popolazione nell'incubo delle prime fasi del Covid. Ma la malattia, la trasmissione, la prevenzione e le cure sono completamente differenti.

Vaiolo delle scimmie come la varicella?

«Nell'uomo il vaiolo delle scimmie è una malattia auto-estinguibile, cioè si risolve da sola in poche settimane ed è, come gravità, anche inferiore a una varicella. La rassicurazione arriva dall'epidemiologo Donato Greco, per 30 anni a capo del Laboratorio di Epidemiologia dell'Istituto superiore di sanità, poi direttore generale della Prevenzione al ministero della Salute, oggi consulente Oms ed ex componente del Cts nell'emergenza Covid.

 

Il tema della febbre

«Anzi quest'ultima (la varicella) - aggiunge Greco - comporta una estensione delle vescicole su tutto il corpo e dà febbre elevata, mentre il vaiolo delle scimmie è quasi sempre molto localizzato, nei casi di cui parliamo in questi giorni a trasmissione sessuale, le pustole sono limitate alla zona dei genitali, senza febbre alta». Greco, tra i massimi esperti di emergenze sanitarie degli ultimi 50 anni - sentito dall'Adnkronos Salute - ricorda di aver partecipato, proprio alla fine degli anni '80, in Congo a un'indagine sul campo relativa a un'epidemia di vaiolo delle scimmie.


Ultimo aggiornamento: Domenica 22 Maggio 2022, 11:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA