«Niente vaccino obbligatorio a tutti gli operatori sanitari americani»: lo schiaffo del giudice a Biden

Il giudice Terry A. Doughty: "Ci sarebbero troppi poteri nelle stesse mani"

Video

Niente vaccino obbligatorio in America per i sanitari. Un giudice americano infatti, blocca l'obbligo di vaccino per gli operatori sanitari in tutti gli stati americani.

L'obbligo imposto dal presidente Joe Biden sarebbe dovuto scattare la prossima settimana. L'ingiunzione del giudice Terry Doughty espande l'ordine emanato lunedì da una corte federale del Missouri, che riguardava inizialmente solo 10 stati. 

Vaccino ai sanitari, cosa dice il giudice

Il giudice Terry A. Doughty del distretto occidentale della Louisiana della Corte distrettuale degli Stati Uniti si è pronunciato a favore di una richiesta del procuratore generale repubblicano della Louisiana Jeff Landry di bloccare un regolamento di emergenza emesso il 4 novembre dai Centers for Medicare e dai servizi Medicaid che richiedevano vaccini per quasi ogni dipendente a tempo pieno, dipendente part-time, volontario e appaltatore che lavora in un'ampia gamma di strutture sanitarie che ricevono finanziamenti Medicaid o Medicaid.

Variante Omicron, il suo viaggio in Europa: «La donna contagiata in Belgio non aveva collegamenti con l'Africa e non era vaccinata»

Usa, quasi un milione di bambini vaccinati nella fascia 5-11 anni. Altri 700mila in attesa

Doughty ha scritto di ritenere che il governo «non abbia l'autorità per attuare» il mandato. «Non c'è dubbio che imporre un vaccino a 10,3 milioni di operatori sanitari sia qualcosa che dovrebbe essere fatto dal Congresso, non da un'agenzia governativa», ha affermato. «Non è chiaro se anche un atto del Congresso che imponga un vaccino sarebbe costituzionale»

«Se al potere esecutivo fosse permesso di usurpare il potere del potere legislativo di legiferare, due dei tre poteri conferiti dalla nostra Costituzione sarebbero nelle stesse mani - ha scritto. Se la natura umana e la storia insegnano qualcosa, è che le libertà civili affrontano gravi rischi quando i governi proclamano stati di emergenza indefiniti. Durante una pandemia come questa, è ancora più importante salvaguardare la separazione dei poteri stabilita nella nostra Costituzione per evitare l'erosione delle nostre libertà», ha aggiunto.

 

Notando che il caso «alla fine sarà deciso da un tribunale più alto di questo», si legge nella sentenza - Tuttavia, è importante preservare lo status quo in questo caso. Gli interessi di libertà dei non vaccinati non richiedono niente di meno».

Con questa sentenza viene esteso a tutti gli Stati Uniti il blocco della misura che lunedì un giudice del Missouri aveva deciso per 10 stati. L'attorney generale della West Virginia, uno degli Stati a guida repubblicana che hanno fatto ricorso contro le misure di Biden, ha celebrato la sentenza come una vittoria: «Siamo contenti che la Corte si sia schierata a difesa della libertà individuale dei lavoratori del settore sanitario», ha detto Patrick Morrisey. L'altra sentenza, emessa da un giudice del Kentucky, ha valore meno ampio e blocca l'applicazione dell'obbligo vaccinale per i dipendenti di società che hanno appalti federali - che dovrebbe entrare in vigore il prossimo 8 dicembre - in Kentucky, Ohio e Tennessee.

L'amministrazione Biden aveva ordinato che tutti gli operatori sanitari e delle case di cura, che lavorano in strutture che ricevono pagamenti Medicaid e Medicare, debbano ricevere la prima dose del vaccino entro il 6 dicembre ed essere completamente vaccinati entro il 4 gennaio.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 2 Dicembre 2021, 08:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA