Vaccino agli adolescenti, negli Usa 226 casi di «infiammazione cardiaca» dopo la seconda dose Pfizer e Moderna

Vaccino agli adolescenti, negli Usa 226 casi di «infiammazione cardiaca» dopo la seconda dose Pfizer e Moderna

Il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie Usa, ha convocato una riunione urgente per quanto riguarda il numero superiore al previsto di ragazzi che hanno avuto un'infiammazione cardiaca dopo aver ricevuto i vaccini Pfizer e Moderna. La riunione arriva solo una settimana dopo che Israele ha affermato di aver trovato un collegamento tra i casi e Pfizer.

Il CDC, così come altri regolatori sanitari in tutto il mondo, ha studiato i collegamenti tra i casi di infiammazione cardiaca e i vaccini Covid-19 da quando Israele ha riferito - la scorsa settimana - di aver trovato un probabile collegamento nei giovani uomini dopo la seconda dose di Pfizer. La riunione di emergenza del si terrà il 18 giugno e affronterà i 226 casi plausibili di infiammazione cardiaca nei giovani - che colpiscono principalmente adolescenti e giovani uomini - dopo aver ricevuto le loro seconde dosi dei vaccini Pfizer e Moderna.

Il CDC ha riconosciuto che il numero di casi era «superiore al previsto», ma ha affermato che era ancora «raro». I casi segnalati potrebbero riguradre «miocardite e pericardite a seguito delle iniezioni», ha fatto sapere l'agenzia. La miocardite è l'infiammazione del muscolo cardiaco, mentre la pericardite è l'infiammazione del rivestimento esterno del cuore. Tra i 226 casi segnalati, tre sono in terapia intensiva, 15 sono ricoverati in ospedale e 41 hanno sintomi in corso. I restanti 167 si sono ripresi.

Camilla e la malattia congenita. Ora si indaga sui medici: «Lo sapevano?»

Non è chiaro se entrambe le condizioni siano causate dai vaccini. Questi tipi di infiammazione del cuore possono essere causati da una varietà di infezioni, tra cui il Covid, nonché da alcuni farmaci. Ci sono state rare segnalazioni a seguito di altri tipi di vaccinazioni in passato. Più di 130 milioni di americani hanno ricevuto sia la prima sia la seconda dose dei vaccini Pfizer e Moderna. Ciò significa che solo lo 0,000173846 percento delle persone a cui è stata somministrata la seconda dose ha riportato un tale effetto.

 

I casi vengono segnalati attraverso il Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) statunitense, che accetta segnalazioni da tutti, indipendentemente dalla plausibilità del vaccino che causa il sintomo. In totale, il VAERS ha ricevuto 573 segnalazioni di miocardite e pericardite dopo che il paziente aveva ricevuto la seconda dose. Un totale di 372 segnalazioni provenivano da persone che avevano fatto Pfizer, mentre i restanti 201 avevano fatto Moderna.

Vaccino agli adolescenti, Locatelli: «Vaccinare anche in età pediatrica per proteggere chi vive a contatto con bambini»

Sono stati segnalati anche altri 216 casi di infiammazione cardiaca dopo la somministrazione di uno dei vaccini. Più della metà dei casi segnalati dopo la seconda dose riguardava persone di età compresa tra 12 e 24 anni, il che rappresenta meno del 9% delle dosi somministrate. Quasi due quinti dei casi erano nei maschi.

 


Ultimo aggiornamento: Sabato 12 Giugno 2021, 10:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA