Vaccini, in Alto Adige troppi obiettori tra il personale sanitario: anticipati gli over 80. Burioni: «Il governo decida su obbligarietà»

Video

Nuova polemica sui vaccini. L'Alto Adige, visto l'alto numero di obiettori tra il personale sanitario e quello nelle rsa, inizia da subito con la vaccinazione anti-Covid degli over 80 e di altre categorie a rischio. Lo ha annunciato l'assessore alla sanità Thomas Widmann.

 

La Provincia di Bolzano attualmente è infatti fanalino di coda nella somministrazione dei vaccini. Secondo Widmann, visto che non c'è abbastanza personale disposto a farsi vaccinare, in accordo con Roma, vengono anticipati gli over 80. L'obbiettivo è vaccinare entro la settimana il 60% delle dosi consegnate.

Roberto Burioni, su Twitter, commenta così: «Molti, troppi operatori sanitari rifiutano senza motivazioni razionali il vaccino mettendo a rischio i pazienti che dovrebbero curare. Si pone il problema POLITICO, il governo deve decidere URGENTEMENTE se rendere obbligatoria per i sanitari la vaccinazione con una legge».

Papa Francesco, accusa ai sistemi sanitari: inadeguati a proteggere gli anziani dal Covid

Vaccino, AstraZeneca chiede autorizzazione all'Ema. L'Ue: «Da aprile la consegna di più dosi»

Covid, Oms: niente immunità di gregge nel 2021. Varianti, rischio ondata di casi e ricoveri

Covid, a Pechino tornano in lockdown 500 mila persone: test di massa per azzerare i rischi di un focolaio

 


Ultimo aggiornamento: Martedì 12 Gennaio 2021, 17:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA