Covid, le vittime hanno in media ​30 anni di più dei positivi: 80 contro 48

Video
di Rosario Dimito

L’età media dei pazienti deceduti e positivi al Covid è di 80 anni, di cui il 42,1% donne. I pazienti affetti dal virus deceduti in media hanno un’età di oltre 30 anni maggiore rispetto a quella dei pazienti che hanno contratto l’infezione. Le donne oltre i 90 anni decedute sono di più rispetto agli uomini.

L’Istituto superiore di Sanità ha aggiornato al 25 novembre le caratteristiche di coloro che hanno perso la vita per la pandemia: il 42% risiedeva in Lombardia, il 10,9% in Emilia Romagna, l’8,2% in Piemonte, il 4,4% nel Lazio



 

Su un campione di 5.592 deceduti per i quali è stato possibile analizzare le cartelle cliniche, è stato riscontrato un numero medio di patologie di 3,6. Complessivamente, 178 pazienti (3,2% del campione) presentavano 0 patologie, 702 (12,6%) presentavano 1 patologia, 1036 (18,5%) 2 patologie e 3676 (65.7%) 3 o più patologie. Prima del ricovero in ospedale, il 21% dei pazienti deceduti SARS-CoV-2 positivi seguiva una terapia con ACEinibitori e il 14% una terapia con Sartani (bloccanti del recettore per l’angiotensina).

L’insufficienza respiratoria è stata la complicanza più comunemente osservata in questo campione (94,0% dei casi), seguita da danno renale acuto (23,5%), sovrainfezione (19,3%) e danno miocardico acuto (10,9%).


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 30 Dicembre 2020, 12:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA