Coronavirus, Ilaria Capua: «Non andrà via con il caldo. Nelle città attenzione ai treni vecchi e sporchi»

di Simone Pierini
«Il virus non si indebolisce perché soffre il caldo». Sono le parole di Ilaria Capua, ospite di DiMartedì su La7. «Sono due fattori che non c'entrano uno con l'altro. Il virus si indebolisce se il suo motore comincia a girare in maniera diversa e questo lo vediamo con le sequenze genetiche del virus». 

Ilaria Capua: «Dal plasma convalescente rischi come epatite e choc anafilattico. Il vaccino? Non ci farà uscire presto dall'incubo»
Ilaria Capua: «Inutile rincorrere gli asintomatici, bisogna proteggere chi è a rischio»

«Che io sappia, i virus che stanno circolando adesso non hanno mutazioni che possano dirci se i virus sono più o meno aggressivi - prosegue la virologa - Ed è per questo che chiediamo le sequenze. Il virus non andrà via, ha trovato una nuova popolazione: siamo noi, circola all'interno della nostra popolazione provocando danni molto gravi in alcuni parti del nostro paese e in alcune grandi città europee».

«In alcune grandi città la situazione è più complicata rispetto a quanto accade in altre - sottolinea Ilaria Capua - Una delle migliori operazioni di sanità pubblica, ad esempio, è la sistemazione dei trasporti: i treni vecchi e sporchi si sono rivelati un punto debole», conclude la virologa. «Siamo pienamente in grado di combattere questo virus, poteva andarci molto peggio».

 
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 27 Maggio 2020, 10:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA