Vaccino Moderna nel Lazio, c'è la nuova data per il richiamo: ma è diversa da Pfizer

Vaccino Moderna nel Lazio, c'è la nuova data per il richiamo: ma è diversa da Pfizer

Ha la stessa composizione di Pfizer, ma per il richiamo si deve attendere di più. Almeno nel Lazio. È il vaccino americano Moderna, che richiede due dosi come quello sviluppato dall'azienda tedesca di biotecnologia BioNTech e Astrazeneca. Solo che quest'ultimo è stato sospeso, anche se solo per gli under 60. E l'unica alternativa che rimane è tra uno dei due farmaci anti covid a Rna messaggero. Le dosi stanno aumentando e sono disponibili, come ha confermato ieri il dott. Roberto Ieraci, responsabile Covid nel Lazio, ma le date dei richiami sono diverse.

Mix vaccini, si può anticipare il richiamo con Pfizer e Moderna? Le regole nel Lazio 

DOSI DISPONIBILI - Di dosi Pfizer a giugno ne sono arrivate un gran numero. Esattamente 327706 il primo del mese, poi altre 30631 due giorni più tardi, e quasi 289179 il 9 giugno. Molte di più rispetto a tutti gli altri vaccini. Ma stanno crescendo anche le consegne di Moderna. Sono 22200 quelle arrivate il 6 giugno e 13200 il 5. Ne serviranno di più ora che dovranno essere utilizzate anche per i richiami Astrazeneca per gli under 60. La Regione vuole rispettare il piano vaccinale che ha programmato e iniziare a chiudere gli hub già da inizio agosto. Così l'assessore alla Sanità regionale Alessio D'Amato ha deciso di anticipare i richiami Pfizer a 21 giorni (anche se solo per coloro che hanno prenotato un appuntamento da ieri) e quelli di Moderna. Che però hanno un altro intervallo.

Effetti collaterali Pfizer: febbre, dolori muscolari e differenze tra prima e seconda dose. Cosa c’è da sapere

COME CAMBIA - Non saranno più a 35 giorni i richiami di Moderna. Chi prenota il vaccino americano da oggi avrà la seconda dose dopo 28 giorni. Non 21, quindi, come Pfizer. Perché? Si hanno meno dosi rispetto al farmaco ideato dall'azienda tedesca di biotecnologia BioNTech. E quindi non è possibile anticiparlo ulteriormente, anche se si potrebbe: il periodo entro cui può essere somministrata la seconda dose dei vaccini a Rna messaggero è infatti tra il 21 e i 42 giorni. Come ha indicato il Cts a fine maggio. Parere poi recepito con ordinanza dal Ministero della Salute.

 

PRIME DISPONIBILITÀ - Non c'è più un appuntamento disponibile per Pfizer o Moderna a giugno. Tutto esaurito. Bisogna aspettare il 7 luglio, ore 12.10, per avere la prima iniezione del vaccino Moderna allo Spallanzani. Due giorni più tardi, il 9, si trova anche al Centro vaccinale Cesa 2, in via Alvaro del Portillo 5, e al Campus Bio-Medico. Per Pfizer, invece, occorre attendere il 10 luglio: prima dose al Centro Vaccinale Uosd, ore 11. Questi sono gli appuntamenti disponibili alle ore 10.30 di oggi, martedì 15 giugno. Ce n'è però anche uno per domani. Ed è del monodose Johnson&Johnson. L'appuntamento per il farmaco anti-covid americano è alle 15.30.

 


Ultimo aggiornamento: Martedì 15 Giugno 2021, 17:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA