Vaccini Lazio, ok a richiami per i turisti: via alle prenotazioni
di Lorenzo De Cicco

Vaccini Lazio, ok a richiami per i turisti: via alle prenotazioni

Nel Lazio debutta il richiamo in vacanza. La Pisana ha aperto le prenotazioni del vaccino, solo per la seconda dose, a chi ha ricevuto la prima in un’altra regione. Di fatto, è il primo tentativo di creare una corsia vaccinale per chi arriva in villeggiatura da fuori, ora che il turismo, con tutti i limiti pandemici, spera in una boccata d’ossigeno durante l’alta stagione. C’è sempre il solito problema delle forniture: la coperta oggi è più larga che in passato - pensiamo alla penuria di fiale di aprile e maggio - ma non basta comunque a coprire tutti i potenziali visitatori a caccia della seconda iniezione in trasferta. Finora, per i vacanzieri, sono state stoccate 9mila dosi. Si parte così, sperando che il governo a un certo punto spedisca le fiale extra, per compensare. Per il momento non è avvenuto. «Dall’inizio della campagna di vaccinazione abbiamo fatto oltre 100 mila somministrazioni a persone residenti in altre regioni o altri Paesi - spiega Alessio D’Amato, l’assessore alla Sanità di Zingaretti - Ma non ci sono state ancora ristorate». Nonostante gli appelli ripetuti al governo e al commissario dell’emergenza, Francesco Figliuolo, che il 9 giugno, con una lettera alla Conferenza Stato-Regioni, aveva autorizzato i richiami in territori diversi, anche se «solo in casi particolari», con l’impegno a mettere in atto «gli opportuni bilanciamenti logistici delle dosi». Un impegno che ora la Pisana spera sia rispettato.

Green Pass solo con la seconda dose e mascherine all'aperto: le ipotesi per contrastare la variante Delta

SUL PORTALE
In ogni caso il primo segnale è arrivato. Collegandosi al portale regionale (prenotavaccino-covid.regione.lazio.it), compare la nuova opzione. Insieme alle altre categorie già autorizzate, può riservare «la seconda dose della vaccinazione» anche chi ha ricevuto la «somministrazione della prima dose fuori regione». Si vedrà quale sarà la risposta dei turisti. Certo è che, senza forniture di rinforzo, l’operazione potrà contare su numeri limitati: «É un’opzione aperta finché ci sono le dosi - conclude D’Amato - Diamo il servizio con le forniture che abbiamo, che non sono tantissime».

Covid Lazio, bollettino oggi 12 luglio: 172 nuovi casi (120 a Roma) e 1 morto. D'Amato: «Vaccinarsi prima delle vacanze»

I CAMPER
Ai vacanzieri non ancora vaccinati - che risiedano nel Lazio o nel resto d’Italia - è offerta un’altra possibilità. Si può ottenere l’iniezione a pochi passi dal bagnasciuga, sfruttando i camper itineranti delle Asl. Da inizio luglio vanno in giro per le località balneari, con le scorte del mono-dose Johnson & Johnson nel frigo del van. Basta una puntura e si è immunizzati. Niente richiamo. Dopo Ladispoli e Marina di San Nicola, ieri è stata la volta di Santa Marinella. Oggi invece l’unità mobile dell’Asl Roma 4 stapperà le boccette di J&J sul lido di Santa Severa. Il 16 luglio sarà la volta di Civitavecchia. 

L’ultima accelerata alla campagna di vaccinazione serve anche a contenere gli effetti della variante Delta, molto più rapida nella trasmissione rispetto alle mutazioni finora in circolo. Il ceppo «indiano», come ha rivelato l’ultimo rapporto dell’istituto Spallanzani, è già dominante nella regione. Riguarda il 50% dei casi. E la proporzione è destinata a crescere: ad agosto dovrebbe superare il 70%, soppiantando la variante inglese. Fino a quando il Lazio non centrerà il traguardo dell’immunità di gregge (70% di adulti vaccinati), i contagi aumenteranno. Oggi i positivi sono in larghissima parte giovani: il 75% dei nuovi contagiati ha tra i 20 e i 29 anni. Una fascia d’età che al 50% non ha ricevuto nemmeno una dose. 
 


Ultimo aggiornamento: Martedì 13 Luglio 2021, 00:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA