Ucraina, Vadim ustionato per salvare la mamma dalle fiamme: operato al Sant'Eugenio

Ucraina, Vadim ustionato per salvare la mamma dalle fiamme: operato al Sant'Eugenio

«È iniziato l'intervento, che durerà diverse ore, a Vadim, il ragazzo ucraino che ha riportato gravi ustioni nel tentativo di salvare la mamma, al Centro grandi ustionati dell'ospedale Sant'Eugenio. Sono costantemente in contatto con l'équipe medica. Forza Vadim!». Lo ha scritto su Facebook l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato. 

Il ragazzo ucraino di 17 anni è arrivato venerdì scorso all'ospedale Sant'Eugenio di Roma in condizioni gravissime, con ustioni sul 50% del corpo. 

Bullo dà fuoco a un bambino di 6 anni. La famiglia mostra le foto (strazianti) dall'ospedale: «Il mondo deve sapere»

«È rimasto gravemente ferito per tentare di portare via la madre dal pullman andato a fuoco con cui stavano fuggendo dai territori di guerra - ha detto D'Amato -. Vadim è stato preso in carico dall'èquipe del Centro Grandi Ustioni dell'ospedale, il primo paziente ucraino ad essere preso in carico, a livello nazionale, in un centro ustionati gravi. Ringrazio il personale dell'Ospedale Sant' Eugenio e le èquipe del reparto che si stanno prendendo cura del ragazzo», conclude D'Amato. 

Ustionata bimba di 3 anni da una sigaretta lanciata nel passeggino a Roma: sospettati i clienti di un bar

Fin dall’inizio della guerra l’Italia ha messo a disposizione dei profughi ucraini le risorse del suo sistema sanitario nazionale. Il primo marzo un bimbo di appena un anno è arrivato all’ospedale pediatrico Bambino Gesù, con i propri genitori: era stato tracheostomizzato all’età di 4 mesi, con una diagnosi di paralisi cerebrale infantile. I genitori avevano attraversato il confine ed erano riusciti a raggiungere con mezzi propri l’Italia, dove grazie all’aiuto di alcuni parenti erano arrivati in provincia de L’Aquila prima del trasferimento nel Lazio. Più recentemente, il 7 maggio scorso, grazie a un volo gestito dalla Centrale Remota Operazioni Soccorso Sanitario (CROSS) 16 pazienti oncologici ucraini sono arrivati nel nostro Paese, distribuiti tra Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Liguria, Toscana, Umbria, Marche, Lazio e Campania.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 20 Maggio 2022, 12:27
© RIPRODUZIONE RISERVATA