«Io, stuprata al parco a Villa Gordiani mentre mi allenavo». La denuncia di una 22enne
di Camilla Mozzetti

«Io, stuprata al parco a Villa Gordiani mentre mi allenavo». La denuncia di una 22enne a Roma

«Sapete dov’è il commissariato di zona più vicino? Mi hanno stuprata al parco». Sono da poco trascorse le sei del mattino quando Giulia (la chiameremo così) 22enne romana varca l’ingresso del bar Speranza sulla via Prenestina in cerca di aiuto. È scappata dal vicino parco di Villa Gordiani dove era andata ad allenarsi poco prima dell’alba. Il locale ha aperto da meno di un’ora, dietro il bancone c’è Felice che ascolta le sue parole e sgrana gli occhi: «Fermati, chiamiamo la polizia» le dice e Giulia dalla tasca della felpa tira fuori il cellulare, compone il numero unico delle emergenze ma poi non riesce a parlare ed è il barista che dà alle forze dell’ordine l’indirizzo. I poliziotti impiegano «meno di un quarto d’ora ad arrivare - ricorda l’uomo - la ragazza si è seduta, non ha voluto nulla, solo andare un paio di volte in bagno».

 

 

Frosinone, entra dal balcone e violenta la figlia undicenne del vicino di casa: arrestato

Cosa le è successo?

«È entrata dicendo che qualcuno l’ha stuprata nel parco, non ci potevo credere poi mi ha chiesto se potevo accompagnarla al Pigneto ma le ho detto di aspettare l’arrivo della polizia». Che giunge sul posto insieme al 118. La ragazza viene trasportata all’ospedale Pertini per gli esami del caso mentre la denuncia di violenza viene trasmessa agli uffici della Squadra Mobile. A occuparsi della vicenda è la IV Sezione, specializzata in reati sessuali e diretta da Pamela Franconieri. Secondo quanto dichiarato dalla ragazza, ieri la giovane poco prima delle sei si trovava nel parco di Villa Gordiani dove è solita andare ad allenarsi anche al mattino presto. Si trovava nella zona alle spalle del centro anziani e non distante dall’area giochi per i bimbi quando un uomo l’ha prima aggredita alle spalle, immobilizzandola e abusando poi di lei. La ragazza è riuscita a scappare ma agli investigatori ha fornito una descrizione abbastanza puntuale dell’uomo che resta tuttora ricercato. Sotto choc sarà di nuovo ascoltata nei prossimi giorni mentre gli investigatori proseguono le indagini che non appaiono semplici.

Molestie sessuali all'attrice Alessandra Monti durante la visita, medico condannato a 3 anni e 6 mesi

I rilievi

Il parco, che resta aperto anche di notte, non ha alcun tipo di sorveglianza al suo interno. Neanche agli ingressi, sulle cancellate, ci sono telecamere e a ieri sera non risultavano testimoni, oltre al barista che ha soccorso la giovane, ma che non ha assistito all’aggressione. Gli investigatori hanno comunque acquisito le immagini del sistema di vigilanza di un minimarket in via Dignano D’Istria che guarda il lato del parco da cui presumibilmente è uscita la ragazza e forse il suo aggressore. Intanto nel quartiere monta la rabbia: «Il parco è terra di nessuno - spiega Luigi Ruggiero gommista - vivo e lavoro qui da 25 anni e più di una volta abbiamo trovato vagabondi e giacigli di fortuna nella Villa». Tra chi pensa già alle “ronde di quartiere”, Gaetana Rapisardi, titolare di una gioielleria, rimarca: «Il Comune dice che Villa Gordiani è parco archeologico ma che tipo di attenzione viene riservata a questo spazio? Anche la stazione ferroviaria Prenestina è chiusa da anni e non sa cosa c’è dentro. Servirebbero più controlli». Gli stessi promessi dalla Prefettura che solo qualche giorno fa ha guidato l’Osservatorio territoriale sulla sicurezza nel V Municipio annunciando “moduli ad alto impatto” per salvaguardare di più il quartiere e i residenti.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Abusi su una minorenne, pensionato condannato a 5 anni


Ultimo aggiornamento: Sabato 6 Marzo 2021, 12:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA