Collatino, maxi-rissa al parco con 100 minorenni: «Una vendetta per il Pincio»
di Alessia Marani

Roma, Collatino, maxi-rissa al parco con 100 minorenni: «Una vendetta per il Pincio»

Se l'erano promesse. L'appuntamento per la vendetta era stato lanciato fin da subito, il luogo l'estrema periferia Est di Roma, al Collatino, da dove almeno una delle bande del Pincio proveniva. E così è stato. Gli agenti del gruppo Spe (Sicurezza pubblica emergenziale) della Municipale stanno verificando da sabato sera i possibili collegamenti tra la maxi-rissa andata in scena nel pomeriggio nel parco archeologico a due passi dal centro commerciale di Lunghezza - che ha visto coinvolti un centinaio di ragazzini, tutti minorenni, addirittura di età inferiore ai 16 anni - e quella che il 5 dicembre scorso scoppiò sulla terrazza panoramica nel cuore della Capitale. Le immagini di quella scazzottata furibonda, senza mascherine, con tanto di strascichi sulla banchina della fermata Flaminio della metro A, fecero il giro d'Italia e indignarono per la sfrontatezza e la spregiudicatezza in piena pandemia Covid quando, oltretutto, è vietato qualsiasi assembramento.

Rissa con mazze da baseball e mannaia fra 20 giovani per una ragazza a Desio, coinvolti anche minorenni


IL PRECEDENTE


All'epoca i carabinieri di Roma Centro dopo avere identificato attraverso le telecamere e i fotogrammi catturati dai video condivisi sui social più gettonati dai giovanissimi, circa 300 persone, denunciarono per lesioni 4 adolescenti, tutti accusati di avere innescato la lite. Tra loro ragazzini residenti a Torre Maura e, appunto, al Collatino.
Allora come sabato, sono i social a finire sotto accusa. Divenuti, ancora di più in questi tempi di Dad, uscite ridotte e spazi pubblici chiusi o limitati nel fine settimana, un punto di riferimento, se non una bussola spesso mal tarata, per orde di ragazzini in cerca di passatempi per abbattere la noia. L'appuntamento per (ri)darsele di santa ragione, dunque, sarebbe stato innescato ancora una volta dal tam tam sulle piattaforme più usate dagli under 16. A dare l'allarme per le decine di ragazzini che si stavano insultando e picchiando nel parco, sono stati i vigilantes del centro commerciale. In pochi minuti sul posto sono piombate le auto della Polizia locale.

L'ANALISI Il caso del video pubblicato e poi rimosso da Youtube ha avuto una


LE RICERCHE


Ai loro occhi gruppi di giovanissimi, tra le cinquanta e le cento persone, intenti a scambiarsi insulti e a picchiarsi, anche con cinte e bastoni. C'è stato un fuggi fuggi generale. Alcuni ragazzini, alcuni ancora studenti delle scuole medie, sono stati però fermati, identificati e riconsegnati ai genitori. L'intervento delle pattuglie ha evitato che accadesse il peggio e, al momento, non risultano feriti.
Stando ai primi accertamenti svolti dagli agenti dello Spe sembra che l'appuntamento con maxi-rissa finale sia partito tutto proprio dalle varie chat tra minori. I messaggi sono ora al vaglio degli investigatori che hanno già chiesto alla Questura i nominativi di tutti coloro che vennero contestualizzati al Pincio il 5 dicembre scorso ma anche in un altro paio di occasioni successive in cui si sfiorarono altri episodi simili. Indagini sono in corso anche sui social, alla ricerca di video e foto dello scontro da cui possano emergere i profili e le identità di altri volti già visti al Pincio. Il sospetto è che, essendo diventata super-presidiata l'area tra Villa Borghese e piazza del Popolo, le sfide lanciate sui social si siano trasferite in periferia, confidando in controlli minori.

Roma, nuova rissa al Pincio: botte tra minorenni, tutti senza mascherine

COME IN UN VIDEOGIOCO


Nella lente c'è un fenomeno tutto social per cui attraverso piattaforme come Instagram, TikTok, Telegram o Tellonym, vengono portati in strada centinaia di ragazzi invitati a prendere parte o solo ad assistere a una sorta di arena improntata a videogiochi come battle royale in cui vince chi sopravvive.

Rissa al Pincio, un papà: «Mio figlio ci è andato per noia, dopo il lockdown è allo sbando»

 


Ultimo aggiornamento: Domenica 7 Marzo 2021, 09:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA