Roma, anche il Mc Donald's di Capena colpito dai banditi che fanno razzia nei bancomat di tutta la provincia
di Luca Lippera

Roma, anche il Mc Donald's di Capena colpito dai banditi che fanno razzia nei bancomat di tutta la provincia

Una banda di rapinatori da alcune settimane sta razziando bancomat e casse continue dei supermercati in tutta la provincia di Roma perché, nello scenario dell'epidemia di Coronavirus, non trova più contanti nei negozi che di solito sono bersaglio dei colpi. Una indiretta conferma - molto più di una impresssione - giunge dal furto compiuto la scorsa notte al ristorante Mc Donald's di Capena nell'area della Flaminia a nord della Capitale.

Un gruppo di malviventi ha portato via ben 30 mila euro e ora i carabinieri della compagnia di Monterotondo, guidati dal tenente colonnello Gianfranco Albanese, sono al lavoro per dare un volto ai ladri e probabilmente ricostruire la "piramide" occulta di una organizazzione criminale.

Colpi agli sportelli bancomat sono avvenuti negli ultlmi due mesi a Marino, a Genzano, a Guidonia, a Tivoli e anche a Ladispoli sul mare. L'area è, geograficamente, tutta a nord e a est di Roma. Gli investigatori hanno notato che la tecnica, praticamente in tutti i casi, è identica. «Non ci sono molti contanti in giro - dice un impiegato della Banca di Credito Cooperatico di Genzano - è ovvio che i banditi si dirigano dove ce ne sono un po'. Vanno a colpo sicuro».

Un esercizio come Mc Donald's accumula nella cassa continua (una piccola cassaforte con una apertuta verso l'esterno) il denaro che affluisce di giorno dai clienti - 30 mila euro non sono pochi: segno che la gente non rinuncia al panino con l'hamburger - e lo lascia in una piccola cassaforte dove il mattino successivo viene ritirato da una ditta di portavalori. Per i banditi "inserirsi" e colpire tra il momento della chiusura e quello del ritoro dei soldi è quasi un gioco. Bottino facile, rischi zero, fuga nella notte. La Mc Donald's, come altre aziende, è assicurata contro i furti e paga premi salati. Le compagnie risarciscono. Restano le scorribande. Coprifuco o meno, i banditi si muovono. Ma l'attenzione dei carabinieri e della polizia sta diventando ogni giorno più alta.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 15 Marzo 2021, 14:22