Vaccino a domicilio nel Lazio, come prenotare e quali persone possono riceverlo

Vaccino a casa nel Lazio, come prenotare e quali persone possono riceverlo

Non tutte le persone sono in grado di poter raggiungere i 120 centri vaccinali sparsi nel Lazio. Per queste c'è la vaccinazione a domicilio. Le aziende sanitarie locali della regione si sono attivate e sono già a buon punto con la somministrazione. La ASL Roma 1 ha avviato la vaccinazione domiciliare delle persone over 80 da febbraio, avvalendosi della collaborazione di UBER, che ha messo a disposizione un importante numero di mezzi con propri autisti. Tra spostamento, anamnesi e somministrazione, in mezza giornata ogni equipe vaccina 6 pazienti.

 

Chi vaccina a domicilio

Sono diverse le unità che collaborano per vaccinare a domicilio. Il fine è quello di velocizzare la somministrazione e di permettere al medico più vicino al paziente di poter effettuare le iniezioni. Il coordinamento avviene tra unità mobili distrettuali, USCAR, erogatori del servizio di assistenza domiciliare e Medici di Medicina Generale. Nella ASL Roma 1 ognuno dei sei distretti ha una centrale operativa che programma i percorsi di somministrazione in base alla geolocalizzazione degli assistiti e organizza l’attività delle auto e delle équipe.

Vaccini, da Pfizer ad AstraZeneca a Moderna: pro e contro dei medicinali in uso in Italia

Chi può prenotare e come 

Chi è invalido al 100%, non è in grado di deambulare o non è autosufficiente (tra cui anche chi si trova in assistenza domiciliare ad alta intensità di cura: es. persone attaccate al respiratore) e quindi non può essere trasportato con mezzi di uso comune (es. autobus, automobile e taxi) può chiamare il numero verde 800118800 per poter prenotare il vaccino a domicilio. L'operatore raccoglierà tutte le informazioni necessarie perché l'equipe formata da medici e infermieri possa somministrare il vaccino. Il paziente viene poi ricontattato telefonicamente e gli viene comunicata la data di iniezione del farmaco.

Da escludere tra coloro che possono ricevere il vaccino a domicilio le persone che possono essere accompagnate al centro vaccinale, anche grazie a un accompagnatore.

Vaccini Lazio, tocca ai 60-61enni. Cambia il piano, posti prioritari ai fragili

Quale vaccino viene iniettato

Alle persone che ricevono la vaccinazione a domicilio viene somministrato il vaccino Pfizer. Al momento, alla ASL di Rieti sono state vaccinate con ciclo completo (prima e seconda dose) 2700 pazienti. Mentre alla ASL Roma 1 le iniezioni saranno effettuate a 6000 assistiti entro il 30 aprile. Per le persone prese in carico dalla ASL Roma 2 sono state iniettate 4600 dosi, 200 al giorno, e 1600 sono stati vaccinati con ciclo completo. Alla ASL Roma 4 sono state più di mille le richieste: ad oggi sono state initettate 729 prime dosi 363 seconde dosi. La ASL di Roma 5 ha completato il ciclo vaccinale a 2262 domiciliari e la ASL di Viterbo ha invece raggiunto le 1283 vaccinazioni a ciclo completo su 2031 richieste (pari al 63,17% del totale). Di queste, 1191 hanno riguardato pazienti over 80.

 

Ultimo aggiornamento: Martedì 13 Aprile 2021, 11:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA