Coronavirus Roma, l'odissea di una famiglia: «Mio padre, il cancro e la nostra battaglia con la Asl per i tamponi»

Video
di Michele Galvani
Francesca ha perso il papà, a soli 59 anni. E' in isolamento nella sua casa romana di piazza Bologna, il suo compagno è da poco risultato negativo, sua madre è positiva e anche suo zio. «Rincorro la Asl per i tamponi, non rispondono o mi risponde gente sempre diversa. Lo sappiamo la sera alle 10 quello che dobbiamo fare il giorno dopo. Passa troppo tempo, io e il mio ragazzo abbiamo avuto un risultato dopo 4 giorni. Nel frattempo lui era guarito: e la separazione tra contagiati?». L'odissea da coronavirus di questa famiglia romana, una famiglia come tante, è la fotografia di una situazione spesso «fuori controllo», dove la rabbia si mescola alla tristezza e, più spesso all'impotenza. «Io metto sotto accusa l'organizzazione, non le persone. Anzi, ai medici dell'Umberto I abbiamo inviato una nota di merito».

Virus, mappa contagio a Roma: record negativo a Garbatella, boom all'Appio

LA STORIA
Il dramma ruota attorno al padre: Paolo, 59 anni, imprenditore, il 10 febbraio ha delle crisi epilettiche: gli riscontrano un «cancro cerebrale» e da quel momento la vita di questa famiglia è tutta in salita: «Mio padre ha iniziato ad avere la febbre intorno al 30 marzo. Da cittadina responsabile quale ritengo di essere - dice la figlia Francesca, avvocato - ho allertato immediatamente la Asl fornendo tutti i nostri dati e recapiti, ho ricercato informazioni attraverso il numero preposto, specificando anche che mio padre fosse un paziente oncologico, e ho avvisato l’ospedale presso il quale mio papà era in cura per le terapie (che sono state immediatamente sospese, dopo essere già iniziate con ritardo proprio a causa del virus). In sostanza, dal 30 marzo in poi, ho contattato ogni giorno il 1500 e la Asl, elencando ogni volta e nel dettaglio i sintomi riscontrati e chiedendo di intervenire con urgenza data la delicatissima situazione di mio papà, il quale, altrimenti, senza un tampone che accertasse la negatività al virus, avrebbe dovuto sospendere le terapie a tempo indeterminato». Il padre continuava «sensibilmente a peggiorare dal punto di vista psico-fisico, ed eravamo tutti convinti che questo dipendesse dall’avanzare della sua patologia. Solo il 6 aprile, grazie a un saturimetro fornitoci da mio zio, ci siamo accorti di quanto fosse critico il livello di ossigenazione di mio papà e lo abbiamo portato d’urgenza – a quel punto con una gravissima insufficienza respiratoria – al Policlinico. Ebbene, il 6 aprile, mio papà mi ha salutato sul pianerottolo di casa per dirigersi al Pronto soccorso e su quel pianerottolo l’ho abbracciato fortissimo nell’intima consapevolezza che forse quella sarebbe stata l’ultima volta che l’avrei visto». Poi, la morte.

Coronavirus, a Roma solo 26 nuovi positivi (38 nel Lazio). Morta un'anziana di 105 anni

LE DOMANDE
Per quale motivo la Asl, in un momento di emergenza nazionale,
«di sabato mattina non risponde a nessun recapito per rispondere a esigenze legate alla salute delle persone (e ho le prove di tutte le mie affermazioni), ma i supermercati e i centri commerciali in condizioni normali devono stare aperti anche di domenica e anche a Natale? I positivi posso stare insieme oppure siccome la negativizzazione varia da persona a persona sarebbe meglio isolarli sin da subito? Ovvero, ancora, i negativi sviluppano gli anticorpi?». Francesca ha perso il papà, non vede mamma Cristiana «dal 6 aprile e non so cosa succederà: fare causa? Sono avvocato, ma ora non sono lucida per fare le giuste valutazioni».
 
 


 
Ultimo aggiornamento: Martedì 5 Maggio 2020, 17:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA