Catalano: "Ri-tratto" sessanta scatti su Fellini e i suoi set a Cinecittà firmati dell'artista dei ritratti fotografici
di Elena Benelli

Catalano: "Ri-tratto" sessanta scatti su Fellini e i suoi set a Cinecittà firmati dell'artista dei ritratti fotografici

Teatro di posa 1 Cinecittà: le fotografie di una artista dello scatto - Elisabetta Catalano - raccontano Fellini. In una mostra con oltre sessanta scatti - fino al 21 marzo 2021 - che racconterà il peculiare rapporto tra il visionario regista e la regina del ritratto.

 

Catalano  (1941-2015)  ha iniziato a fotografare, quasi per caso, sul set di “Otto e mezzo”, dove si trovava per interpretare una piccola parte. Da quel momento, per tre decenni, divenne la persona da cui Fellini preferiva farsi inquadrare e immortalare, fino al 1993, poco prima della sua morte. Nella mostra, dietro una grata di legno, è stato ricostruito proprio il suo studio.

 

Catalano: "Ri-tratto" sessanta scatti su Fellini e i suoi set a Cinecittà firmati dell'artista dei ritratti fotografici

Nella mostra "Ri-tratto rosso – Elisabetta Catalano guarda Federico Fellini" oltre ai ritratti sono esposte in grande formato le immagini dei cinque set di film che la fotografa venne chiamata a documentare: “8 “, “Fellini Satyricon”, “Prova d’orchestra”, “La città delle donne”, “La voce della luna”, con una curiosa appendice per “Intervista”.

 

Aldo Ponis, il curatore della mostra - spiega: «Fellini diceva che lei era un po’ la sua figlia d’arte, lei quando parlava di Fellini cambiava espressione. La fatica che Elisabetta faceva, che mi raccontava, per levare le maschere che tutti abbiamo davanti, e che ci nascondono, con Fellini non era necessario, perché Fellini, conoscendo lui stesso questo problema, si prestava a queste sedute di psicanalisi molto volentieri».

«Questa è una scommessa vinta per tutti noi - continua Ponis - Una mostra comunque difficile da realizzare (doveva essere aperta a dicembre, ndr) dopo tutto quello che è successo con la pandemia. Volevamo in realtà mettere in piedi la mostra di due persone che hanno iniziato due percorsi diversi cominciando da '8 e mezzò e proseguendo per tutta la loro vita. Due artisti che avevano molto in comune perché lavoravano entrambi sul
ritratto e sull' espressione delle facce»

 

La direzione artistica della mostra è di Emanuele Cappelli. Testi, ricerca scientifica e iconografica sono a cura di Laura Cherubini e Raffaele Simongini,  le immagini vengono tutte dell'Archivio Elisabetta Catalano.

 

INFO - Cinecittà / Roma, via Tuscolana 1055;  dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 18, biglietti Adulti 15,00 euro. Bambini (da 6 a 12 anni) 7,00 euro. Under 26/Over 65 13,00 euro. Sotto ai 5 anni gratis. Biglietto Famiglia 40,00 euro (valido per 2 adulti + 2 ragazzi fino ai 18 anni). Formula non acquistabile su ticketone, per l’acquisto scrivere a visit@cinecittaluce.it

E-MAIL INFO: visit@cinecittaluce.it

SITO UFFICIALE: http://www.cinecittasimostra.it

 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 11 Febbraio 2021, 15:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA