Martina, precipitò dal sesto piano in Spagna. «Non si è suicidata, volevano stuprarla»

Martina, precipitò dal sesto piano in Spagna. «Non si è suicidata, volevano stuprarla»

Martina era in vacanza con le amiche a Palma di Maiorca quando morta, precipitando da un balcone dell'hotel. Suicidio, secondo il magistrato spagnolo. A distanza di quasi tre anni, era il 3 agosto 2011, gli inquirenti fanno una nuova ricostruzione della morte di Martina Rossi, 23 anni: la ragazza sarebbe caduta per sfuggire ad un tentativo di stupro.



La Procura di Genova ha inviato quattro avvisi di conclusione indagini a quattro ragazzi di Arezzo. Due di loro, che vivono a Castiglion Fibocchi, sono accusati di omicidio colposo come conseguenza di altro reato, omissione di soccorso e tentata violenza sessuale. Gli altri due, che vivono ad Arezzo, sono accusati di favoreggiamento e false dichiarazioni al pubblico ministero. Il fascicolo per omicidio colposo sara' trasmesso alla Procura di Arezzo, mentre quella per la falsa testimonianza al momento resta a Genova. Martina Rossi, di Genova, insieme ad alcune amiche era in vacanza a Palma di Maiorca, dove conobbero il gruppo degli aretini. Secondo quanto ricostruito, la giovane, la sera in cui è morta, si trovava in stanza con i due ragazzi di Castiglion Fibocchi. La Procura è convinta che ci sia stato un tentativo di violenza sessuale per sfuggire al quale Martina precipitò dal settimo piano dell'Hotel Santa Ana di Cala Majoir.

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 22 Gennaio 2014, 14:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA