Tornano arancio (da domani) 25 milioni di italiani. Parrucchieri, scuole, bar: ecco cosa cambia
di Diodato Pirone

Zona arancione da domani per 25 milioni di italiani. Parrucchieri, scuole, coprifuoco, bar: regole e multe

Ben 25 milioni di italiani da lunedì 12 aprile lasciano la fascia rossa per essere "declassati" a quella arancione. Restano in "rosso" solo Valle d'Aosta (dove - ormai è un classico ripetuto più volte - bastano pochi giorni di riapertura per far riesplodere i contagi), la Campania, la Puglia e la Sardegna che appena 40 giorni fa aveva potuto riaprire quasi tutto essendo finita in fascia bianca. I "vantaggi" offerti dalla zona arancione rispetto alla "rossa" sono relativi.

Virus, il piano di riapertura per negozi, scuole e sport: ecco i giorni scelti

Parrucchieri

Forse quello più atteso, specialmente in Lombardia dopo un mese di chiusura, è la riapertura dei parrucchieri e dei centri di estetica per la persona. Ovviamente chi utilizzerà questi servizi dovrà rispettare scrupolosamente le indicazioni sul distanziamento, sull'igiene delle mani e sull'obbligo di mascherina.

Scuole

In zona arancione sono aperte in presenza anche le seconde e terze medie. Mentre le superiori vedono una frequenza in classe che può andare dal 50 al 75% degli alunni.

Il modulo per l'autodichiarazione ----> Scarica il Pdf

 

Riaperture bar, palestre, ristoranti e cinema: nuovi protocolli, si lavora per inizio maggio

Negozi di abbigliamento e centri commerciali

Un altro dei tutto sommato piccoli vantaggi offerti dalla zona arancione è la riapertura dei negozi di abbigliamento e calzature. Riaprono i battenti anche i centri commerciali che però restano chiusi nei week end, nei festivi e nei prefestivi ad eccezione dei supermercati, delle farmacie e delle edicole.

Bar e ristoranti

Non cambia nulla nella sostanza per bar e ristoranti. I primi possono lavorare per l'asporto fino alle 18, i secondi fino alle 22. È vietato assembrarsi davanti agli ingressi dei locali.

Spostamenti

In zona arancione in teoria ci si potrebbe muovere solo nel proprio Comune di residenza ad eccezione dei motivi che abbiamo imparato a conoscere fin dall'anno scorso: lavoro, salute, gravità eccezionale. In realtà su questo tema tutto è affidato al buon senso dei singoli. L'obiettivo del sistema a zone è quello di ridurre i contatti fra le persone poiché statisticamente più persone si muovono e più aumentano i contagi. E fra chi viene contagiato, dopo alcune settimane, il 2,5% muore.

Coprifuoco

Per nessuna ragione si può uscire fra le 22 e le 5 di ogni notte.

Multe

Per assembramenti, feste private e violazioni delle regole sull'obbligo di mascherine si rischia una multa minima di 400 euro.

Virus, il piano di riapertura per negozi, scuole e sport: ecco i giorni scelti

 

 


Ultimo aggiornamento: Domenica 11 Aprile 2021, 16:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA