Terza dose a over 50 subito e vaccino ai bambini a dicembre, la strategia del governo per un Natale senza restrizioni

Sileri sullo stato d'emergenza: «Estensione logica ma decisione poco prima della scadenza» del 31 dicembre

Video

di Mario Ajello

Operazione Natale sicuro. Non la chiamano così nel governo ma la nuova strategia anti Covid delle autorità sanitarie ha il Natale come punto di riferimento temporale. Terza dose subito agli over 50 e partire a dicembre vaccino ai bambini dai 5 ai 12 anni. Per consentire un Natale senza restrizioni si prova a fare così. Questa è l’idea di Franco Locatelli, presidente del Consiglio Superiore di Sanità e coordinatore del Comitato tecnico scientifico.

Pillola anti-Covid, come funziona e a chi va somministrata (e perché non sostituirà mai i vaccini)

Richiamo del vaccino Johnson: aperte le prenotazioni nel Lazio, domande e risposte

Terza dose a over 50 subito e vaccino ai bambini a dicembre

È convinto che l’Ema possa arrivare a un’approvazione del vaccino per i più piccoli entro la prima metà di dicembre. «A quel punto lì potremo partire», con la campagna vaccinale tra i bambini in età scolastica anche inferiore alle medie. Gli under 12, ha detto Locatelli, «vanno pure protetti dalle seppur rare manifestazioni gravi o prolungate di Covid-19, per contribuire a ridurre la circolazione virale». Locatelli ha poi ricordato che il vaccino è assolutamente sicuro: non a caso, ha detto, «ha ricevuto l’immediata approvazione sia dalla Food and Drug Administration sia dal Centers for Disease Control and Prevention».

 

La strategia

La strategia del governo prevede anche altro. Il sottosegretario Sileri si è dichiarato favorevole all'ipotesi di un'ulteriore proroga dello stato d'emergenza. «Personalmente credo che un'estensione dello stato di emergenza sia logica, anche perché dobbiamo finire ancora le terze dosi, però la decisione verrà presa poco prima della scadenza» del 31 dicembre. Per quanto riguarda l'immunizzazione dei bambini, che sarà possibile una volta approvato il vaccino per la loro età, il sottosegretario alla Salute ha sottolineato che appena arriva il via libera «significherà che il vaccino è sicuro ed efficace», anche se «al momento l'ente regolatorio non si è ancora espresso». «Io vaccinerei sicuramente i miei figli nel momento in cui il vaccino è approvato dagli enti regolatori», ha aggiunto.


Ultimo aggiornamento: Domenica 7 Novembre 2021, 09:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA