«Salvini usa metodi e toni dei fascisti degli anni Trenta», l'attacco del ministro Asselborn

«Salvini usa metodi e toni dei fascisti degli anni Trenta». Lo afferma il ministro degli esteri lussemburghese Jean Asselborn a Spiegel.de in riferimento al video del botta e risposta sul tema migranti. Secondo Asselborn, «si è trattato di una provocazione calcolata». Il video - dice al portale online del settimanale tedesco - è stato fatto «a sua insaputa». Se vengono ripresi incontri di ministri Ue oppure addirittura di capi di governo e di stato, «allora non ci potrà mai più essere un dibattito franco», aggiunge. 

Salvini, lite sui migranti con il ministro del Lussemburgo che sbotta: «Et merde alors!»

Asselborn sottolinea che non si è trattato di un incontro qualsiasi. Secondo il ministro, non si è neanche trattato di un caso isolato. I collaboratori del vice premier italiano, dice a Spiegel.de, «si piazzano nelle sale in posizioni strategiche e riprendono sistematicamente tutto quello che dice Salvini». Asselborn aggiunge anche di non ritrattare nulla di quanto detto in riferimento alla necessità della migrazione.

Domenica 16 Settembre 2018 - Ultimo aggiornamento: 18-09-2018 13:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-09-16 19:12:13
Non abbiamo bisogno di politici esteri da cui prendere lezioni...avanti così Salvini!
DALLA HOME