Renzi: «Con la cacciata di Marino io non c'entro». E dà la colpa a Orfini

Renzi: «Con la cacciata di Marino io non c'entro». E dà la colpa a Orfini

Matteo Renzi nega di essere il responsabile della cacciata di Ignazio Marino quando era il sindaco di Roma del Pd nel 2015. Lo ha detto oggi parlando alla Leopolda a Firenze. 

«Del Pd non ho mai capito, e per me è stato un errore che oggi paghiamo, la cacciata di Marino», ha detto Federica Angeli, la giornalista di Repubblica minacciata dai clan a Ostia parlando con Renzi sul palco della Leopolda. «Un giorno ti porto a cena con Orfini, io non c'entro», ha risposto l'ex premier riferendosi al presidente dem e allora commissario del Pd a Roma.

La giunta Marino venne fatta cadere nell'ottobre del 2015 dopo che 26 consiglieri capitolini, fra cui quelli del Pd, rassegnarono le dimissioni dal notaio. Dopo un breve interregno del commissario Francesco Paolo Tronca, la cacciata del sindaco-chirurgo dem portò poi alla vittoria dei 5 stelle alle elezioni del 2016 e all'elezione in Campidoglio di Virginia Raggi.









 
Ultimo aggiornamento: 21:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA