Quanto guadagna Conte? E quali sono le indennità dei parlamentari? Tutte le cifre della politica

Video
di Diodato Pirone
Il premier della città-Stato di Singapore, Lee Hsien Loong, il politico più pagato al mondo, ha deciso di donare il suo favoloso stipendio mensile di circa 120 mila euro a favore di un fondo anti Covid 19. Anche in Giappone e in Nuova Zelanda ministri e deputati hanno deciso di rinunciare per alcuni mesi al 20% delle loro indennità. In Europa e in America invece non si segnalano iniziative analoghe se non per iniziative di singoli esponenti di vari partiti. 
Anche in Italia si sono registrate poche voci, praticamente solo i 5Stelle ma senza troppa convinzione, che chiedono ai politici un contributo collettivo alla guerra contro il Coronavirus.

Vittorio Sgarbi attacca: «Virologi in tv ma chi sta in laboratorio a fare ricerca?»

Già, ma quanto guadagnano i politici? Un deputato o un senatore possono contare su uno stipendio  mensile di 5.000 euro netti che però arriva a circa 13.000 euro  (per 12 mensilità) comprensive del rimborso per l'affitto di chi vive fuori Roma. Va subito detto però che molti parlamentari in realtà possono contare su disponibilità inferiori perché versano (o dovrebbero versare) dai 2 ai 3 mila euro al partito di appartenenza o a un fondo ad hoc per 5Stelle. Inoltre deputati e senatori versano circa 2.000 lordi al mese ad un loro collaboratore di fiducia.

«Il coronavirus non si prende al supermarket». Studio tedesco ridimensiona il rischio contagio da oggetti

Quindi un calcolo preciso al centesimo di quanto ogni deputato possa contare alla fine del mese è impossibile anche se sia il sito della Camera che quello del Senato forniscono indicazioni molto dettagliate. Ogni deputato riceve come detto circa 5.000 euro di indennità netta alla quale va sommata una diaria di 3.500 euro (alloggio e vitto) dalla quale vengono decurtate 200 euro al giorno in caso di assenza dalle votazioni. Altri 3.600 euro vengono versati dalle Camere per spese varie fra le quali - come già riferito - quella per un collaboratore/segretario. A tutto questo si aggiungono circa 1.100 euro al mese (il rimborso cambia a seconda della distanza da Roma) per le spese di trasporto per raggiungere gli aeroporti o le stazioni e per i telefoni.  Non va dimenticato che obbligatoriamente ogni parlamentare versa di suo 1.300 euro al mese per propri benefit: una assicurazione sanitaria e un fondo che gli sarà restituito a fine legislatura  in caso di mancata rielezione.

Coronavirus, fase 2, la frenata del governo fino al 4 maggio
 
 

Come si vede si tratta di cifre notevoli ma non lontanissime da quanto le aziende spendono per dirigenti e quadri in missione. Va detto inoltre che anni fa fu istituita una commissione per capire se i parlamentari italiani fossero trattati meglio dei loro colleghi europei. Non emersero trattamenti mediamente diversi se non nel fatto che alcuni parlamenti offrono ai deputati più servizi (ad esempio i collaboratori) invece che rimborsi. Diverso il discorso sui numeri complessivi dei parlamentari (da noi 630 deputati e 315 senatori) e sulle funzioni delle Camere poiché gli altri grandi Paesi europei hanno una sola Camera con il potere di fiducia sul governo e non due come da noi.
Fatti i conti in tasca ai parlamentari è lecito chiedersi quanto guadagnano premier e ministri. Va subito detto che i ministri parlamentari non hanno una maggiore indennità rispetto ai deputati,  insomma prendono uno stipendio solo. Invece, i ministri non eletti in parlamento, ad esempio la ministra dell'Interno Luciana Lamorgese, hanno la stessa indennità dei deputati. Anche il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, non è parlamentare e la sua indennità è pari a 6.700 euro netti al mese per un totale di 80.000 euro netti all'anno che equivalgono grosso modo a 115.000 euro lordi. Difficile fare paragoni. e prendiamone due significativi: il presidente degli Stati Uniti, che in quel sistema è anche capo del governo, ha una indennità di 400.000 dollari lordi. La cancelliera tedesca, Angela Merkel, usufruisce di un appannaggio di 300.000 euro lordi.

Governo, intesa sulle nomine: cambio per Terna e Montepaschi

Ma quanto ci costano i parlamentari nel loro complesso? E, tornando al punto iniziale di questo articolo, sono ricavabili risorse consistenti dai loro stipendi da destinare alla lotta al virus? Per gli stipendi dei 630 deputati italiani la Camera spende 81 milioni l'anno ai quali si aggiungono 63 milioni di rimborsi. In tutto sono 144 milioni ai quali si aggiungono 155 milioni annui per i vitalizi che dal 2012 sono pensioni calcolate col contributivo. In tutto si tratta di 300 milioni di euro cui vanno aggiunti circa 150 dei senatori. Per quanto possa sembrare paradossale la Camera spende molto di più per i suoi dipendenti (che costano complessivamente 173 milioni per i soli stipendi senza considerare le pensioni) che per i politici. Comunque, da una riduzione in stile giapponese del 20% per un anno dei soli stipendi (rimborsi esclusi) dei parlamentari italiani, si potrebbero ricavare 24 milioni (pari al 20% degli 81 milioni di costo delle indennità dei deputati e dei circa 40 dei senatori). E forse vale la pena ricordare che la sola libera sottoscrizione degli italiani a favore della Protezione Civile è arrivata a raccogliere finora quasi 130 milioni di euro. E' anche importante ricordare che tutti i parlamentari di Fratelli d'Italia hanno  destinato l'indennità di marzo alla raccolta fondi della Fondazione AN e Secolo d'Italia per il contrasto del Coronavirus, i primi fondi sono già stati donati all'ospedalePapa Giovanni XXIII di Bergamo.

Sondaggio Ipsos: Di Maio batte Salvini, Meloni in vetta. Zingaretti fuori dal podio

Ultimo aggiornamento: Lunedì 20 Aprile 2020, 14:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA