Cts, riunione d'emergenza covid del Comitato tecnico scientifico: allo studio "zone rosse" locali TUTTE LE DECISIONI

Video

Covid, il Governo del premier Giuseppe Conte ha indetto una riunione urgente del Comitato tecnico scientifico (Cts), alla quale dovrebbe partecipare anche il ministro della Salute Roberto Speranza: è stata convocata per domenica 11 ottobre. In un vertice d’emergenza, Giuseppe Conte e i capidelegazione rosso-gialli Dario Franceschini, Roberto Speranza, Alfonso Bonafede e Teresa Bellanova hanno cominciato ad analizzare, assieme al ministro degli Affari regionali Francesco Boccia, le nuove misure per tentare di contrastare la diffusione del virus.

 

Covid, in arrivo il nuovo dpcm dopo l'impennata di contagi: ecco cosa succederà

 

Allo studio tanti provvedimenti, non sono escluse nemmeno zone rosse locali per contenere il virus. Sul tavolo degli esperti, secondo quanto si apprende, ci sarebbe l'impennata dei contagi dell'ultima settimana e la capacità del sistema di testare i casi. Il ministro e gli esperti faranno il punto della situazione con l'obiettivo di individuare azioni e procedure per tentare di frenare la crescita della curva del contagio. Misure più rigorose di quelle attuali che saranno adottate con il Dpcm entro il 15 ottobre e che prevederanno una serie di restrizioni.

 

 

«Prima di arrivare - viene sottolineato - a decisioni radicali» che inciderebbero pesantemente sulla vita sociale ed economica del paese e che allo stato nessuno nel governo vuole prendere. Il ragionamento che, numeri alla mano, gli esperti stanno facendo in queste ore, è semplice: la situazione rischia di sfuggire di mano e, considerato che si è solo ad ottobre e non si è ancora entrati nella stagione influenzale - che potrebbe avere il picco tra febbraio e marzo - potrebbero servire misure per 6 mesi.

 

LE IPOTESI ALLO STUDIO

Dunque serve muoversi ora, con interventi «mirati e localizzati» che prevedono la creazione di 'zone rosse' locali, lo stop agli eventi di massa, e misure progressive per locali, trasporti, lavoro, attività sportive in modo da evitare chiusure generalizzate. L'altro punto fondamentale che verrà affrontato nella riunione è la capacità del sistema di testing di reggere l'urto dell'aumento dei casi. Già da giorni, infatti, si registrano in molte città diverse difficoltà per l'effettuazione dei tamponi, con migliaia di cittadini in attesa per ore degli esami e giorni per avere l'esito. Andrà dunque valutato come potenziare il sistema ed evitare che vada in sovraccarico, a partire dalla possibilità di utilizzare a fini diagnostici anche i test rapidi.


Ultimo aggiornamento: Sabato 10 Ottobre 2020, 23:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA