Stupri, il senatore D'Anna: "Il desiderio è istinto primordiale, le donne stiano più attente"

Stupri, il senatore D'Anna: "Il desiderio è istinto primordiale, le donne stiano più attente"

«Sono abbastanza vecchio per ricordare che una volta le donne erano più attente, un'aggressione alle 3 di notte da parte di un cingalese in altri tempi non sarebbe mai avvenuta. La donna porta in sé l'idea del corpo e della preda».

Sono parole destinate a far discutere quelle di Vincenzo D'Anna, senatore di Ala, in merito all'emergenza stupri che coinvolge ogni città italiana, dal centro alla periferia.





«Non giustifico gli stupratori, io li condannerei tutti a 30 anni, ma le donne devono stare attente: un uomo che gira da solo in piena notte non suscita attenzione, una ragazza, magari in abiti succinti, invece sì» - ha spiegato l'onorevole a Radio Cusano Campus - «Non sono un maschilista, ma qui tutti vogliono fare tutto e il corpo della donna è oggetto di desiderio da parte dell'uomo; è un istinto, sarà primordiale, ancestrale, quello che volete. Le donne devono stare più attente».

Nell'intervista, riportata anche da Repubblica.it, il senatore D'Anna ha continuato a spiegare le proprie ragioni: «La donna ha un appeal diverso dagli uomini, vogliamo parlare di ormoni, di aggressività? A volte un tipo di abbigliamento, in certi contesti, per qualcuno può sembrare indice di disponibilità. Alle donne serve un po' di buonsenso e un minimo di cautela, non è una manifestazione di inferiorità. Sconsiglierei a mia figlia di girare da sola alle 3 di notte in periferia, peggio ancora se è vestita in maniera disinvolta».


Ultimo aggiornamento: Venerdì 15 Settembre 2017, 17:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA