Elezioni comunali 2019, risultati dello spoglio in diretta. Il M5S perde Livorno, Perugia al centrodestra, Gori confermato sindaco a Bergamo.

Elezioni comunali 2019, risultati dello spoglio in diretta. Il M5S perde Livorno, Perugia al centrodestra, Gori confermato sindaco a Bergamo.

Elezioni amministrative, la diretta dello spoglio al via tra qualche minuto: il M5S perde Livorno, il centrosinista si conferma a Firenze e Bari mentre il centrodestra riesce a tenere la poltrona del sindaco di Perugia. Questo il quadro che emerge dai primi dati delle proiezioni diffuse dopo l'inizio dello spoglio per le comunali. A Livorno, fino ad oggi governata dall'esponente M5S Filippo Nogarin, le prime proiezioni Rai danno il candidato del centrosinistra Luca Salvetti in leggerissimo vantaggio rispetto a quello del centrodestra, Andrea Romiti. Molto distante la candidata M5S Stella Sorgente, assessore della giunta uscente, che arriverebbe solo quarta.

Elezioni Comunali Firenze: risultato dello spoglio in diretta. Bocci sfida l'ex sindaco Nardella

LA DIRETTA

23.30 A scrutinio ormai praticamente ultimato Andrea Romizi, esponente di Forza Italia alla guida della coalizione di centrodestra, è stato confermato sindaco di Perugia. Ha ottenuto oltre 49 mila voti con una percentuale intorno al 59 per cento. Nettamente staccato il candidato del centrosinistra Giuliano Giubilei, con poco più di 22 mila voti, 26,6%. Ancora più indietro Francesca Tizi, M5s, 5 mila e 600 voti, 6,8. L'ex ministro Katia Bellillo, Perugia città comune espressione della sinistra, poco più di mille e 400 voti, 1,7%. 

22.38 Fabrizio Fracassi, esponente della Lega, è il nuovo sindaco di Pavia. La sua elezione è ora ufficiale dopo che è arrivato il dato definitivo delle comunali, essendo state scrutinate tutte e 83 le sezioni. Fracassi (sostenuto da Lega, Forza Italia, Fratelli d'Italia e dalle liste civiche «Pavia Prima» e «Pavia Ideale») ha ottenuto il 53,04 per cento, distanziando di oltre 20 punti Ilaria Cristiani, candidata del centrosinistra (sostenuta da Pd, «Pavia a colori» e «Più Europa») che si è fermata al 30,93 per cento. Il sindaco uscente Massimo Depaoli (sostenuto dalla lista civica «Cittadini per Depaoli») ha ottenuto il 9,09 per cento, Vincenzo Nicolaio (Movimento 5 Stelle) il 4,91 per cento, Paolo Walter Cattaneo (Rifondazione Comunista) l'1,08 per cento e Stefano Spagoni («Italia in Comune») lo 0,94 per cento.

22.35 Alla chiusura degli scrutini nelle 179 sezioni elettorali a Prato viene confermato il ballottaggio, il prossimo 9 giugno, tra il sindaco uscente del centrosinistra, Matteo Biffoni, che al primo turno ha ottenuto 42,317 voti, pari al 47,16%, e Daniele Spada (centrodestra) con 31.509 voti, pari al 35,11%. 

22.30 Brenda Barnini, esponente del Partito Democratico e in corsa con una coalizione di centrosinistra, si conferma sindaco a Empoli (Firenze) vincendo al primo turno con il 56,54% delle preferenze. Dietro di lei l'esponente di FdI e della coalizione di centrodestra Andrea Poggianti (25,87%), seguito dall'indipendente di sinistra Beatrice Cioni (9%) e Anna Baldi del M5S (8,58%).

21.50 Il M5s verso una sonora sconfitta nelle sue Civitavecchia e a Nettuno con la Lega ben quotata a 'scipparglì i Municipi, il Pd in partita a Ciampino e soprattutto a Veroli. È lo scenario che si sta profilando nel Lazio, dove ieri, oltre alle Europee, si è votato per il rinnovo di cui 153 Comuni, tra cui 10 al di sopra dei 15 mila abitanti.

21.30 Il sindaco di Follonica (Grosseto) è Andrea Benini: è stato eletto al primo turno con il 50% dei consensi più un voto. In realtà ci sono quattro schede contestate che domattina, fanno sapere dal Comune di Follonica, verranno valutate dal tribunale di Grosseto. Massimo Di Giacinto, candidato con una lista di centrodestra, spera ancora nel ballottaggio.

21.20 Spoglio a rilento nei 49 seggi elettorali di Vercelli, dove si vota per il rinnovo del sindaco e del Consiglio comunale. Alle 21 di questa sera erano state scrutinate 42 sezioni su 49 totali per le elezioni regionali, mentre dal sito del ministero dell'Interno non risulta alcun seggio dove sono state portate a termine le operazioni di scrutinio per le elezioni comunali. Secondo alcune fonti interne a Palazzo di Città, diversi seggi sono arenati sulle preferenze ai candidati consiglieri, e un altri casi è stato richiesto un intervento di supporto dell'ufficio elettorale. In un'altra sezione, la 39, è intervenuta una pattuglia della polizia per alcuni dissidi tra il personale addetto allo spoglio.

20.55 Si profila il turno di ballottaggio in quasi tutti i comuni calabresi con popolazione superiore ai 15 mila abitanti dove si è votato domenica per il rinnovo del sindaco e del Consiglio comunale. Si tratta di Corigliano Rossano, il più popoloso e chiamato per la prima volta ad eleggere i propri organi amministrativi dopo la fusione dei centri originari sancita nell'ottobre del 2017 con un referendum popolare, dove si sfideranno Fulvio Stasi, a capo di un cartello di liste civiche, che veleggia, quando sono stati scrutinati più della metà dei voti, intorno al 41% e l'ex consigliere regionale del centrodestra Giuseppe Graziano, che é al 31%. Certo il ricorso al secondo turno a Rende, dove la sfida sarà tra il sindaco uscente Marcello Manna, intorno al 32%, e l'ex deputato e consigliere regionale Sandro Principe (26%). Situazione simile a Gioia Tauro, dove l'ex sindaco Aldo Alessio si attesta sul 45% dei suffragi seguito da Raffaele D'Agostino al 24%. Potrebbe essere eletto al primo turno, invece, il nuovo sindaco di Montalto Uffugo, dove, quando sono state scrutinate più di 8 mila schede su 12 mila, é in testa Pietro Caracciolo con il 48%, seguito da Ugo Gravina, che é al 31%.

20.35 Alle comunali di Campobasso è in testa Maria Domenica D'Alessandro sostenuta dal centrodestra (40%), mentre è bagarre per la seconda piazza, che garantirebbe il ballottaggio, tra Roberto Gravina (M5s) al 28,1% e il sindaco uscente Antonio Battista del centrosinistra (27,3%); poche le preferenze per gli altri due candidati, Paola Liberanome (Io Amo Campobasso) e Orlando Iannotti (Forconi). Il dato emerge dalle terze proiezioni di Opinio Rai alle elezioni comunali (32% del campione) di Campobasso; a sei ore dall'inizio dello scrutinio mancano ancora i dati ufficiali dal Viminale, con zero sezioni scrutinate su 56.

20.30 Un solo voto. Uno solo e per Luigi Zironi quota 50% nella corsa alla poltrona di sindaco di Maranello, sarebbe stata cosa fatta. Invece, per una scheda in meno lasciata nell'urna, il vice-sindaco e assessore alle Politiche socio sanitarie e abitative del Comune modenese, si è dovuto accontentare del 49,99% pari a 4.519 voti quando ne sarebbero serviti giusto 4.520 - su 9.040 - per tagliare il traguardo del 50%. Obiettivo sfumato proprio sul filo di lana per il candidato sostenuto dal Pd e dalle liste 'Maranello in testà e 'L'Italia del futurò che ora dovrà vedersela, al ballottaggio, con Luca Barbolini capace di un 36,22%, frutto di 3.274 voti, sostenuto dalla Lega, da Forza Italia, dal Movimento Animalista e dalla lista civica 'Noi amiamo Maranellò. Alle europee, nella cittadina emiliana, la Lega ha ottenuto il 36,92% davanti al Pd con il 28,62% e il Movimento 5 Stelle con il 14,94%. 

20.00 Spoglio a rilento per le comunali ad Ascoli Piceno, dove si configura un duello tra i due candidati del centrodestra Marco Fioravanti, di Fratelli d'Italia, indicato dal tavolo nazionale, e Piero Celani, Forza Italia, alla guida di un gruppo di 'ribellì. Con 16 sezioni scrutinate su 52, Fioravanti è al 40%, Celani al 21%, il candidato del Pd e del centrosinistra Pietro Frenquellucci al 16%.

19.58 Con 27 sezioni scrutinate su 30, è certo il ballottaggio a Pontedera (Pisa) tra il candidato del centrosinistra Matteo Franconi con il 47,45%, e il candidato del centrodestra Matteo Bagnoli al 38,31%. Nella città della Piaggio al terzo posto si è attestato il candidato M5s Fabio Toncelli all'11,24%. 

19.55 Non ha nascosto la propria commozione Matteo Ricci, sindaco di Pesaro che ha ormai in tasca la riconferma al primo turno: ad oltre metà dei seggi scrutinati, viaggia oltre il 57% dei consensi. «Ringrazio tutti» ha detto in un breve incontro con la stampa, rinviano a domani l'analisi del voto. A commuovere Ricci, lo scarto di circa 30 punti tra il voto delle europee, che ha visto la Lega primo partito in città, e quello delle amministrative, dove invece il primo cittadino uscente, presidente di Autonomie Locali Italiane e responsabile enti locali del Pd, sostenuto da una decina di liste (tra cui molte civiche) ha prevalso agevolmente. Molti anche i voti disgiunti, espressi a favore di Ricci da chi invece ha votato per altre liste. Non ha nascosto invece la propria delusione l'avversario sconfitto, Nicola Baiocchi, di Fratelli d'Italia, sostenuto dal centrodestra, arrivato a sfiorare il 30%. «Dopo avere visto i risultati del voto alle europee ci siamo illusi - ha ammesso -, l'esito delle amministrative ci ha riportato alla realtà». Esito che per altro vede la Lega, sinora inesistente a Pesaro, assestarsi al 15%.

19.50 Cambio di poltrona in famiglia per il nuovo sindaco di Codognè, nel trevigiano. Lisa Tommasella, 39 anni, per la Lega, subentra al marito, Roberto Bet, sindaco uscente, anch'egli del Carroccio. Lei ha conquistato l'elezione con il 67,2% delle preferenze, battendo l'avversaria del centrosinistra Lorena Andreetta, fermatasi al 32,8%. Plateale e scenografica l'entrata in municipio per la nuova prima cittadina: Tommasella è arrivata alla sede comunale a cavallo, sventolando la bandiera veneta dell'autonomia. 

19.45 Si chiama Gianmarco Negri, ha 40 anni ed è uno stimato avvocato. Da oggi è anche il primo sindaco transgender d'Italia: è nato donna (si chiamava Maria), poi alcuni anni fa si è sottoposto a una serie di interventi chirurgici per cambiare sesso, conclusi con la variazione anche anagrafica. Con il 37,54% ha vinto a sorpresa le amministrative a Tromello, paese di 3.700 abitanti in Lomellina, in provincia di Pavia, con una lista civica che guarda più a sinistra dal nome significativo: «CambiaMenti per Tromello». Contro di lui c'erano tre candidati, tra cui un altro avvocato, il vicesindaco uscente Antonio Pavia, con una civica di centrodestra, che ha ottento il 23,16%, e Renato Cappa, che correva per la Lega in solitaria e ha raccolto il 25,79%. 

19.40 Quando sono state scrutinate 49 sezioni su 170 (circa il 20% dei voti) si profila una possibile vittoria al primo turno per il candidato del centrodestra a Pescara: Carlo Masci ha infatti il 51,97% dei voti, contro il 22,32% della candidata del centrosinistra Marinella Sclocco. Erika Alessandrini (M5S) è ferma al 13,25%, il civico Carlo Costantini 6,21%, l'altro civico Gianni Teodoro 2,70%, la lista di sinistra di Stefano Civitarese 2,27%.

19.30 Se non è un record poco ci manca: a San Lazzaro di Savena, alle porte di Bologna, la sindaca uscente Isabella Conti (Pd) è stata confermata con l'80% dei voti. Un risultato impressionante anche perché non arriva da un piccolo paese, ma da un centro di 32mila abitanti. San Lazzaro è da sempre un feudo della sinistra, ma alle Europee la Lega ha preso il 26%. La coalizione di centrodestra è passata dal 36% delle europee al 13,8% delle Comunali, il Movimento 5 Stelle al 12 al 5,8%. Gli altri voti gli ha presi tutti Isabella Conti.

19.15 Ha solo 19 anni Michele Schiavi, il nuovo sindaco di Onore, centro di 890 abitanti dell'alta valle Seriana. Il giovane candidato ha ottenuto il 51,22% dei voti battendo la rivale Angela Schiavi, sindaco uscente, assestatasi al 48,78%. Il neosindaco ha vinto per soli 14 voti, ma tanto è bastato per avere la meglio sulla sua rivale, la omonima di cognome ma non parente Angela Schiavi, architetto di 43 anni. Michele è studente di Giurisprudenza. Classe 1999, quest'anno compirà 20 anni ed è a capo della lista 'Innanzitutto Onore', da oggi alla guida del Comune.

19.00 I Cinque stelle potrebbero perdere la guida della città di Avellino, oltre che quella di Livorno, governata in questi anni da Filippo Nogarin (che non si è ricandidato sindaco): quando sono state scrutinate solo 6 sezioni su 72, è in testa il candidato del Pd Luca Cipriano mentre il candidato M5S, Fernando Picariello raggiunge solo la quarta posizione. Tra i 25 comuni capoluogo di Regione e di Provincia al voto, Livorno e Avellino erano le uniche due a guida M5S. Ad Avellino, guidata dal sindaco M5S Vincenzo Ciampi, la giunta è caduta dopo appena cinque mesi dall'insediamento. 

18.40 Il sindaco di Pesaro, Matteo Ricci, si avvia alla riconferma al primo turno. «Tra poco sarò in Comune per rilasciare la prima dichiarazione» annuncia su Facebook, con tanto di emoj con il segno della vittoria. Ricci, presidente di Autonomie Locali Italiane e responsabile enti locali del Pd nazionale, ha distanziata nettamente il suo principale competitor, Nicola Baiocchi, di Fratelli d'Italia, sostenuto dal centrodestra.

18.23 Conclusi gli scrutini a Norcia ma ancora nessun risultato ufficiale è stato pubblicato sul sito del ministero dell'Interno. Secondo quanto si apprende in città è stato confermato il sindaco uscente Nicola Alemanno, esponente di Forza Italia che si è presentato con una lista civica. Ha superato Gianpietro Angelini, Noi per Norcia. Alemanno è il sindaco che ha gestito l'emergenza terremoto e l'avvio della ricostruzione.

18.15 Non ce l'ha fatta per circa 400 di voti, Claudio Cecchetto, ad aggiudicarsi la corsa a sindaco di Misano Adriatico, nel Riminese. A spuntarla, con il 39,1% contro il 33,8% della lista civica di Cecchetto è stato il vicesindaco uscente e esponente del centrosinistra, Fabrizio Piccioni, che ha superato - con 2.883 voti a 2.490 - il papà del 'Gioca Jouer', la candidata del centrodestra (Lega-Lista Civica), Veronica Pontis (19,3%) e quella del Movimento 5 Stelle, Daniela Ruggeri (7,8%). L'imprenditore milanese, fondatore di Radio Deejay, scopritore di talenti nel mondo della musica e dello spettacolo ha guidato la lista civica 'W Misano Vivà, composta da 16 cittadini misanesi tra cui Ivano Bonetti ex centrocampista, tra le altre squadre, di Genoa, Juventus e Bologna. È stato comunque eletto consigliere comunale. Nella cittadina romagnola alle elezioni Europee si è imposta la Lega con il 38,55% davanti al Pd con il 23,61% e al Movimento 5 Stelle con il 17,94%.

18.10 Franca D'Angeli è stata eletta sindaco di Accumoli, il comune del reatino epicentro del sisma del 24 agosto 2016. D'Angeli, alla guida della lista civica 'Insieme per Accumolì, ha battuto, con un solo voto di scarto (199 a 198), Francesco Anselmo Nigro, candidato con la lista 'Obiettivo comunè. Franca D'Angeli, 65 anni, era già assessore nella precedente giusta guidata dal sindaco uscente Stefano Petrucci.

18.00 San Luca, in provincia di Reggio Calabria, torna ad avere un sindaco dopo 6 anni. Dal 2013, anno in cui il Comune fu sciolto per infiltrazioni mafiose, il paese della Locride era stato governato da Commissari. Nel 2015 le elezioni non furono valide perché, in presenza di una sola lista, non fu raggiunto il quorum, mentre negli anni successivi nessun candidato si era presentato alle elezioni. A vincere le elezioni è Bruno Bartolo del centrodestra, che ha sconfitto l'altro principale candidato, Klaus Davi.

17.24 Sindaco per un solo voto di differenza. Succede a Savignano sul Panaro, Comune in provincia di Modena di 9.215 abitanti. Enrico Tagliavini, candidato di una lista civica (Progettiamo Savignano) di centro sinistra, ha ottenuto alle urne 2.391 voti, contro i 2.390 che sono andati a Rosamaria Carmignano, che rappresenta un'altra lista civica, ovvero 'Lista dei cittadini, insieme per Savignanò, che ha governato negli ultimi dieci anni. Su un totale di 6.976 elettori e 5.060 votanti (il 72,53%) sono risultate nulle 117 schede, bianche 162 e nessuna contestata. Quasi scontata la richiesta di un riconteggio da parte di chi ha perso.

16.13 Primo sindaco Abruzzo va alla Sinistra Eletto il primo sindaco in Abruzzo: si tratta di Davide Morante, 27 anni, esponente di sinistra (Art.1) di cui è tesoriere provinciale, a capo di una lista civica. Salle, piccolo comune tra la Maiella e il Morrone, è nota per avere la pianta del paese a forma di fascio, eredità della ricostruzione nel Ventennio dopo un terremoto. Morante, ex Rifondazione Comunista, e consigliere uscente, ha battuto il sindaco uscente Maurizio Fonzo.

16.06 Bergamo, Gori in testa Secondo le prime proiezioni di Opinio Rai alle elezioni comunali di Bergamo (17% del campione) è nettamente in testa Giorgio Gori sostenuto dal centrosinistra (57,9%) seguito da Giacomo Stucchi (35,1%) del centrodestra.

15.59 Renzi: da Nardella risposta a Salvini  «La vittoria della Lega alle Europee è netta. È altrettanto evidente che la risposta più forte alla vittoria di Salvini arriva oggi da Firenze grazie al bravissimo Dario Nardella». Così su Twitter Matteo Renzi, senatore Pd ed ex premier. 

15.45 Reggio Emilia verso il csx Secondo le prime proiezioni di Opinio Rai alle elezioni comunali di Reggio Emilia (campione del 18%) è in testa Luca Vecchi del centrosinistra (44,9%) seguito da Roberto Salati, candidato del centrodestra (30,7%). Rossella Ognibene del M5s è per il momento terza con il 16,6% dei voti

15.44 A Perugia in testa la Lega Secondo le prime proiezioni di Opinio Rai alle elezioni comunali di Potenza (copertura del 16%) è in testa nettamente la Lega rappresentata da Mario Guarente con il 46,7%. Segue con un distacco di più di 20 punti percentuale Valerio Tramutoli (25,9%) sostenuto da due liste civiche. Bianca Andretta per il centrosinistra arriva al 18,4%. 

15.41 Lecce, avanti il centrosinistra Secondo le proiezioni del consorzio Opinio per la Rai, alle Comunali di Lecce è in testa Carlo Maria Salvemini del centrosinistra con il 49,7%. Segue Saverio Congedo del centrodestra con il 33,2%. La copertura del campione è del 14%.(

15.34 Modena, centrosinistra in vantaggio Secondo le prime proiezioni di Opinio Rai alle elezioni comunali di Modena (campione del 18%) è nettamente in testa il candidato del centrosinistra Gian Carlo Muzzarelli (51,3%) che stacca nettamente Stefano Prampolini (30,6%) del centrodestra. Al 12,5% Andrea Giordani, candidato del M5s.

15.32 Campobasso, testa a testa cdx-M5S Secondo le prime proiezioni di Opinio Rai alle elezioni comunali (11% del campione) di Campobasso è testa a testa tra Roberto Gravina del M5s e Maria Domenica D'Alessandro sostenuta dal centrodestra: per entrambi la stessa percentuale, 34,5%. Antonio Battista del centrosinistra è per il momento al 27,4%.

15.26 Livorno, la candidata M5S solo quarta Secondo le prime proiezioni di Opinio Rai alle elezioni comunali di Livorno è in testa, pure se di pochissimo, Luca Salvetti (29,8%) appoggiato dal centrosinistra seguito da Andrea Romiti (29,7%) del centrodestra. Al terzo posto Marco Bruciati (14,8%) sostenuto da Potere al Popolo e Buongiorno Livorno. Solo quarta Stella Sorgente (M5s) con il 12,8%, assessore della giunta uscente di Nogarin. La copertura del campione è del 14%.(

15.19 Perugia, in testa Romizi (cdx) Secondo le proiezioni di Opinio Rai alle Comunali di Perugia è in testa il sindaco uscente, Andrea Romizi, candidato del centrodestra unito, con il 54,6%. Segue Giuliano Giubilei, candidato del centrosinistra con il 30,5% e Francesca Tizi, del Movimento 5 Stelle, con il 7%. La copertura del campione è del 16%.

14.39 San Luca, spoglio a rilento Cominciato da poco lo spoglio per le elezioni comunali a San Luca. Le operazioni sono cominciate dopo l'arrivo dei presidenti dei quattro seggi allestiti nel centro della Locride, commissariato dal 2013. Dalle prime schede scrutinate, secondo quanto si é appreso, emerge già una netta tendenza di voti in favore del candidato a sindaco Bruno Bartolo, a discapito dell'altro candidato, il massmediologo Klaus Davi.  

13.52 Elezioni da rifare a Torre del Passero Elezioni comunali da rifare a Torre: non è stato raggiunto il quorum dei votanti per l'unica lista presentata, quella del'ex sindaco Antonello Linari, attuale commissario Ater a Pescara nominato dalla precedente giunta di centrosinistra regionale, quella di Luciano D'Alfonso. A fronte dei 1433 aventi diritto al voto si sono presentati alle urne in 1197, 41,78%. Nelle precedenti comunali l'affluenza era stata del 71,53%.

Elezioni Comunali Bari: risultato dello spoglio in diretta. Il sindaco Decaro sfidato dall'ex Pd Di Rella

A Perugia dopo lo tsunami che ha portato alle dimissione la governatrice della Regione, Catiuscia Marini (Pd), il sindaco uscente Andrea Romizi (FI) sembra riesca a battere il giornalista Giuliano Giubilei, sceso in campo per il centrosinistra e Francesca Tizi per i Cinque Stelle. Secondo le prime proiezioni di Opinio Rai a Perugia Romizi è in testa con il 54,6%, seguito da Giubilei al 30,5% e Francesca Tizi, con solo il 7%. A Potenza il sindaco uscente Dario De Luca (Fdi) ha deciso di non ricandidarsi. Le proiezioni danno nettamente vincente Mario Guarente, candidato della Lega con il 46,7%.

A Campobasso - stando alle proiezioni - è testa a testa tra il sindaco uscente Antonio Battista del Pd che si è ricandidato e Maria Domenica D'Alessandro del centrodestra. Tra gli altri capoluogo di provincia, spiccano i dati di Modena, dove il sindaco uscente Giancarlo Muzzarelli riuscirebbe a confermare la poltrona con il 51,3% secondo le prime proiezioni, staccando il candidato del centrodestra Stefano Prampolini che si fermerebbe al 30,6%. Anche a Lecce si imporrebbe il centrosinistra con il sindaco uscente Carlo Maria Salvemini al 49,7%. In Piemonte le proiezioni confermano quanto già delineato ieri sera dagli exit poll: in testa è il candidato Alberto Cirio, dietro il governatore uscente Sergio Chiamparino si ferma al 36%. 

Il sindaco uscente di Firenze, Dario Nardella riesce a fermare - stando ai primissimi dati dai seggi - l'avanzata della Lega in una sfida che sembrava assai incerta, bloccando il leghista Ubaldo Bocci; molto indietro l'M5S Roberto De Blasi. A Bari il sindaco uscente Antonio Decaro, attuale presidente dell'Anci, l'Associazione dei comuni italiani, è favorito per la riconferma mentre ancora sono state scrutinate poche sezioni ed è in corso lo spoglio delle schede, avendo la meglio sugli sfidanti Pasquale Di Rella (FI) ed Elisabetta Pani (M5S).

Lunedì 27 Maggio 2019, 13:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA