"Ha vinto M5S, dateci il reddito di cittadinanza": assalto ai Caf da 30-40enni. Il sindaco: ammaliati dagli spot

Non è uno scherzo, anzi: è tutto vero e sta succedendo in Puglia. In tanti tra ieri e oggi, dopo il risultato delle elezioni politiche di domenica 4 marzo, si sono presentati ai Caf locali e al centro servizi per l'occupazione ('Porta Futuro', a Bari) per chiedere i moduli per ricevere il Reddito di Cittadinanza, uno dei capisaldi della campagna elettorale del Movimento 5 Stelle.

Salvini: "No accordi con Pd o M5S". E Mattarella chiede senso di responsabilità
Renzi non parteciperà alle Primarie Pd

Nella regione Puglia i 5 Stelle hanno sbaragliato i concorrenti, vincendo in tutti i collegi uninominali alla Camera e al Senato. «Ha vinto il M5S, ora dateci i moduli per Reddito di Cittadinanza», avrebbero chiesto decine di persone. Gli episodi, già resi noti alla Gazzetta del Mezzogiorno dal sindaco di Giovinazzo (Bari), Tommaso Depalma, che ha parlato di file davanti ai Caf della città, si stanno verificando anche in queste ore. 

Le Iene, gaffe clamorosa in un servizio sulle elezioni. Il pubblico si infuria

A 'Porta futuro' a Bari, racconta il responsabile, Franco Lacarra, «sono una cinquantina le persone che tra ieri e oggi hanno chiesto i moduli per ottenere il reddito di cittadinanza, si tratta soprattutto di giovani». «Ovviamente - aggiunge Franco Lacarra parlando con l'ANSA - non si tratta di folle oceaniche, ma comunque è certo che molta gente è alla ricerca dei moduli per ottenere il reddito di cittadinanza e ci chiede informazioni». «Sono soprattutto i giovani - aggiunge - che ci chiedono informazioni, naturalmente anche i Caf potranno dare una descrizione su quello che sta accadendo». 

RICHIESTE DA GIOVANI UNDER 45 Hanno una età compresa fra i 30 e i 45 anni le persone - una cinquantina - che si sono recate al job center di Porta Futuro a Bari da martedì (giorno dopo lo spoglio elettorale) a oggi per richiedere i moduli per accedere al reddito di cittadinanza promesso dal Movimento 5 Stelle in campagna elettorale. Situazione che si è ripetuta anche ai caf di Giovinazzo (Bari). «A chi si è affacciato chiedendo se fossero già disponibili i moduli per richiedere il reddito di cittadinanza, abbiamo dato una risposta tecnica, dicendo che non c'è al momento nessun provvedimento che codifica questo strumento», ha chiarito Giovanni Mezzina, responsabile dei servizi di orientamento di Porta Futuro Bari. Giornalmente Porta Futuro, che fornisce per conto del Comune di Bari servizi di orientamento al lavoro, assistenza per la compilazione di curricula, corsi di formazione, gestisce un'utenza di 40-50 persone. «In queste giornate abbiamo verificato una presenza maggiore di persone, soprattutto giovani, - continua Mezzina - che chiedevano i moduli per ilreddito di cittadinanza».

"FENOMENO ISOLATO" Le richieste dei moduli per il reddito di cittadinanza fatte da alcuni cittadini ai Caf di Giovinazzo in Puglia dopo la forte affermazione del Movimento cinque stelle alle elezioni sono un «fatto isolato». Lo sostiene uno dei due coordinatori della Consulta dei Caf Massimo Bagnoli. «Non ci risulta - spiega - un fenomeno diffuso di richieste di reddito di cittadinanza ma questa notizia ci dice che i Caf sono un presidio per i cittadini. C'è stato invece un forte incremento delle richieste di Isee (l'indicatore della situazione economica) per ottenere il redditodi inclusione. A gennaio - dice - l'aumento è stato del 30%». 

IL SINDACO: CITTADINI AMMALIATI «A noi sindaci piacerebbe poter comunicare ai cittadini che il problema della disoccupazione è risolto e che per tutti quelli che non hanno lavoro c'è un Reddito di Cittadinanza, ma credo che i cittadini siano stati ammaliati da spot elettorali». Così il sindaco di Giovinazzo, in provincia di Bari, Tommaso Depalma (lista civica), commenta quello la notizia delle numerose persone che si sono presentate agli sportelli dei Caf nel suo Comune per chiedere i moduli per ottenere il reddito di cittadinanza «visto che ha vinto il M5s alle elezioni». «Già da lunedì - racconta - dietro la porta dell'assessore ai Servizi Sociali di Giovinazzo Michele Sollecito c'erano persone in fila per chiedere spiegazioni sul Reddito di Cittadinanza promesso dal M5s in caso di vittoria. La vittoria c'è stata, netta e inconfutabile, ma per il Reddito di Cittadinanza la vedo dura». 

A NAPOLI NESSUNA RICHIESTA Non si sta replicando nei Caf di Napoli e in Campania il fenomeno della richiesta dei moduli per il reddito di cittadinanza, registrato nelle stesse strutture della Puglia all'indomani dell'affermazione del MS5. «I nostri sportelli - sottolinea il coordinatore dei Caf della Cgil partenopea, Raffaele Famiglietti - non registrano ancora questa richiesta. Siamo al lavoro soprattutto per fronteggiare la forte domanda relativa al Rei e siamo in convenzione con il Comune di Napoli per aiutare le persone che inoltrano richiesta con la produzione e l'elaborazione dei modelli Isee». Anche nelle altre province della Campania analoga situazione, con gli sportelli impegnati soprattutto sul fronte del reddito di inclusione.

Giovedì 8 Marzo 2018, 13:11
© RIPRODUZIONE RISERVATA