Reddito di cittadinanza e pensioni, servirà un decreto. Di Maio: «Quota 100 da febbraio, reddito da marzo»

Reddito di cittadinanza e pensioni, servirà un decreto. Di Maio: «Quota 100 da febbraio, reddito da marzo»

Novità importante sul reddito di cittadinanza e sui pensionamenti con 'quota 100'. Entrambe le misure non saranno «a efficacia immediata» ma saranno «da definire con legge collegata»: è emerso dalla versione aggiornata dal DPB (Documento programmatico di bilancio) approvato ieri dal governo in Consiglio dei ministri e inviato a Bruxelles, spiega l'agenzia Ansa.

Un neolaureato su 10 avrà il posto fisso: con il bonus eccellenze un premio ai cervelloni
Reddito di cittadinanza, solo a chi ha Isee zero ed è in affitto: i 780 euro non per tutti

Nella versione precedente era previsto che l'entrata in vigore delle due misure principali della manovra entrassero in vigore con «efficacia immediata», invece la loro introduzione sarà affidata ad un ddl collegato alla legge di bilancio. Sia per il reddito che per l'attuazione di cittadinanza, si aggiunge, i criteri di attuazione sono demandati a successivo decreto di natura non regolamentare. Anche per l'anticipo pensionistico le norme saranno contenute in una «legge collegata» alla manovra.

DI MAIO: REDDITO DA MARZO, QUOTA 100 DA FEBBRAIO «Da ministro del Lavoro la norma su 'quota 100' e reddito di cittadinanza ce l'ho già pronta: sarà in un decreto legge subito dopo la legge di bilancio. Non c'è slittamento, collegato, calende greche...», ha detto il vicepremier e ministro del Lavoro Luigi Di Maio a margine del question time alla Camera. «Appena diventa operativo, con il voto del Parlamento sulla manovra, il fondo da 16 miliardi, chiederò a Conte di convocare il Cdm e fare il dl con le misure. Non ci si appigli alla lettera di Tria: nessuno slittamento, il 'reddito' sarà legge alla fine del 2018».

Il reddito di cittadinanza è «una misura di politica attiva del lavoro. Serve non per sostituirsi al lavoro ma per aiutare la persona nella ricerca del lavoro e nella formazione». Inoltre «farà ripartire i consumi e ne beneficeranno anche artigiani ed esercizi commerciali», ha ribadito, parlando della «misura protagonista della prossima legge di bilancio». «Guardando le simulazioni che stiamo facendo al ministero penso che marzo sarà il mese in cui partirà il reddito di cittadinanza e un mese prima partirà 'quota 100'. Comunque nei primi tre mesi partono entrambe le misure». 

Mercoledì 14 Novembre 2018, 16:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA