Migranti, nave Ong soccorre 400 persone. Salvini: «Non toccheranno suolo italiano». Scontro con la Ue

Video

Sul fronte migranti si apre un nuovo caso. Una nave della Ong tedesca Lifeline è intervenuta in soccorso di 300-400 migranti a bordo di un gommone a largo delle coste libiche e i soccorritori hanno chiesto aiuto alla guardia costiera italiana o a qualche mercantile che incrocia in zona. Ma da Salvini è arrivato un netto rifiuto: «Non toccheranno il suolo italiano». Proprio stamani il ministro dell'Interno ha lanciato un aut aut a Bruxelles: «O cambiano le regole sull'immigrazione o l'Italia taglierà il contributo al bilancio Ue». Juncker: «Non è il momento di nazionalismi».

LEGGI ANCHE Salvini su Ue e Fornero preoccupa la Borsa: Milano giù, spread a 232
 


«Avete fatto un atto di forza non ascoltando la Guardia costiera italiana e libica? Bene, questo carico di esseri umani ve lo portate in Olanda, fate il giro un po' largo», scrive Salvini su facebook, in riferimento alla nave della ong Lifeline. Le navi «di queste pseudo-ong non toccheranno più il suolo italiano», aggiunge.



Altri due gommoni in difficoltà. «Ad ovest della Libia, a 18 miglia dalla costa, sono segnalati altri due gommoni con altri disperati a bordo. Hanno chiamato la guardia costiera italiana. Ma se ci sono imbarcazioni in difficoltà al confine tra Libia e Tunisia non si capisce perché deve intervenire la Guardia costiera italiana che sta più a nord e sta molto lontana», ha poi annunciato in diretta Facebook il ministro dell'Interno Matteo Salvini. «Abbiamo scritto - ha informato il ministro - chiedendo l'intervento delle autorità tunisine. Se i libici non possono esserci perché stanno litigando con questa pseudo-ong Lifeline, intervengano allora i tunisini o i maltesi che sono più vicini. Atteggiamento cattivista o egoista? No, se si vuole dare un taglio al business dell'immigrazione clandestina, bisogna far capire che i taxi del mare si fermano. Vogliamo stroncare la mafia dell'immigrazione clandestina che arricchisce pochi delinquenti causando migliaia di vittime».

Le parole di Juncker. «Quando parliamo di migrazioni è importante sottolineare la necessità di avere un approccio europeo, questo non è il momento per i nazionalismi, ci vuole un approccio europeo». Così il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker alla conferenza stampa a Dublino con il premier irlandese Leo Varadkar. «Ed è in questo senso che stiamo preparando gli incontri della prossima settimana», ha aggiunto, facendo riferimento prima al mini summit di domenica e poi al Consiglio europeo del 28 e 29 sempre a Bruxelles.


Salvini ad Agorà. Ospite della trasmissione di Rai 3, il ministro dell'Interno affronta diversi temi: dai migranti alla legge Fornero. «Conte andrà a Bruxelles - afferma -  O c'è una proposta utile, anche per difendere i rifugiati, o cambiano queste regole, o diciamo no. Ha totale sostegno mio e del governo per discutere qualcosa di utile alla nostra sicurezza. L'Europa dice vi aiuteremo tra uno o due anni, intanto tenetevi quelli che arrivano e ve ne mandiamo anche altri. Ma a noi serve un aiuto adesso».

«Salvini è diventato l'uomo nero - continua il ministro dell'Interno - L'immigrazione fuori controllo porta allo scontro sociale, porta danni, agli immigrati e agli italiani. Farò rispettare le regole, senza regole c'è il caos. Voglio tagliare un pò di soldi a gente che si sta arricchendo su questo business».

E aggiunge:
«Se uno sta in un albergo, penso a Bormio in alta Valtellina, è una località di vacanza bellissima, vacanze che molti italiani non si possono permettere da tempo, se uno sta per due anni in un albergo non scappando da nessuna guerra e avendo garantiti colazione, pranzo e cena, telefonino e televisione, secondo lei cosa è se non un pacchia?»



«Penso che la legge debba vigere anche nei campi rom - afferma - Fossero tutti farmacisti, registi e musicisti non ci sarebbe il problema. Ieri ne hanno arrestati 35 a Lamezia Terme, stamattina ne hanno arrestati 28 a Monza e Brianza. Quindi viva i rom registi, musicisti, farmacisti, flautisti e concertisti purtroppo ce ne sono tanti altri che sono dei delinquenti che usano i bimbi per educarli al furto ed alla rapina».

Salvini affronta anche il tema della revisione della Legge Fornero. «La riforma della Legge Fornero ci sarà entro l'anno. Ci sono dei ministri che non hanno ancora gli uffici e quindi aspettiamo che i ministri abbiano gli uffici e poi entro l'anno si comincia a smontare la legge Fornero ripartendo da quota 100». L


Ultimo aggiornamento: Giovedì 21 Giugno 2018, 14:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA