La Leopolda fa il tutto esaurito: ​in migliaia per ascoltare Renzi

La Leopolda fa il tutto esaurito: in migliaia per ascoltare Renzi

Tutto esaurito sin da metà pomeriggio alla Leopolda, la kermesse ideata dieci anni fa da Matteo Renzi, affollata da alcune migliaia di persone. Un coda ininterrotta, per almeno tre ore, si è registrata davanti alla ex stazione Leopolda di Firenze. La storica sede della convention renziana risulta gremita in ogni ordine di spazio. 

In tanti sono accorsi fin dalle ore 15, quando l'ex premier ha inaugurato la mostra dedicata alla memoria dello scomparso fotografo Tiberio Berchielli, fotoreporter al fianco di Renzi durante gli anni di Palazzo Chigi.  A rallentare l'afflusso dei partecipanti sono stati i controlli di sicurezza prima dell'ingresso. All'entrata le registrazioni hanno registrato ugualmente code a causa dell'elevata affluenza di pubblico. 

È già iniziata anche la vendita dei gadget, con il logo dell'edizione 2019 «Leopolda10 - Italiaventinove» su tazze, lapis e magliette. Il ricavato serve all'autofinanziamento della manifestazione.  All'interno tutti esauriti i posti a sedere nel salone centrale e particolarmente affollata la zona intorno al palco, su cui svetta un albero di corbezzolo, accanto a un vecchio divano in pelle e a una poltrona sempre in pelle e la 'consollè con le postazioni degli oratori. Sulla pedana protesa sulla platea, come si usa ai concerti, solo il numero «10» disegnato da un proiettore.  Matteo Renzi dovrebbe parlare intorno alle 21. Tra i primi ad arrivare nel salone il deputato Roberto Giachetti, che è stato salutato dal primo applauso della platea. Tante le richieste di selfie per Giachetti. 
Venerdì 18 Ottobre 2019, 20:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA