Il marito leghista della Kyenge e il divorzio: «Non la vedevo mai, ora prenderò un cane»
di Luca Calboni

Il marito leghista della Kyenge e il divorzio: «Non la vedevo mai, ora prenderò un cane»

Nuovo capitolo nel batti e ribatti fra l'europarlamentare Kashetu Cécile Kyenge e il suo "quasi" ex marito Domenico Grispino, che hanno confermato la loro volontà di divorziare, dopo la conferma che lo stesso Crispino ha deciso di candidarsi con la Lega alle elezioni comunali di Castelfranco Emilia, dove entrambi vivono. A dettare il nuovo episodio della lite matrimoniale più social della politica è stato l'intervento di Grispino a Radio 24: nella trasmissione "La Zanzara", il candidato leghista ha detto chiaramente di come il matrimonio con la signora Kyenge fosse arrivato al capolinea già da parecchio tempo.

Sanremo 2019, Claudio Baglioni canta "E tu" e Matteo Salvini scatta il selfie con la tv: «Ora posso dormire tranquillo»

L'uomo lamenta di essere stato praticamente abbandonato, da quanto l'ex ministro per l'integrazione Kyenge è stata eletta all'Europarlamento con il Pd: in «cinque anni qui non la vedevo mai - spiega - Stavo col cane, e adesso pure senza. Ora prenderò un altro cane». 

Sanremo 2019, canta il sindaco del patto del Nazareno: «Renzi e Berlusconi, lasciate»

La Kyenge, pesantemente attaccata da anni da esponenti del Carroccio, non avrebbe digerito la decisione del marito di candidarsi proprio con lo schieramento di Matteo Salvini, che la stessa moglie di Grispino aveva tacciato di razzismo: «Ma queste sono cagate - afferma - I razzisti ci sono ovunque, anche a sinistra. E anche i neri sono razzisti con i bianchi, in Africa. Vai giù in Congo e ti chiamano Muzungu (letteralmente "Uomo bianco" in lingua swahili, ndr)».


Per Grispino, il suo divorzio è stato utilizzato dalla parlamentare come una vetrina: «Questa storia ha fatto pubblicità a mia moglie, è andata su tanti giornali che non li ha mai visti» afferma il candidato leghista. Una richiesta di divorzio poi che è avvenuto al telefono: «In faccia non ha avuto il coraggio di dirmi nulla. Mi ha chiamato da Bruxelles, ma non mi sono offeso. Era già finita la storia, non si devono trascinare le cose finite. È stata lei a parlare pubblicamente di divorzio, io non l'ho mai fatto».
Venerdì 8 Febbraio 2019, 13:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA